Super green pass dal 6 dicembre per alberghi e viaggi: ecco cosa cambia. Ingresso vietato da 6 paesi

Super green pass dal 6 dicembre per alberghi e viaggi, come funziona.

di , pubblicato il
Super Green Pass alberghi

Dal 6 dicembre in tutta Italia sarà attivo il Super Green Pass. Il nuovo decreto servirà per contenere la pandemia durante le festività natalizie e toglierà a chi non è vaccinato o guarito dal covid, la possibilità di entrare nella maggior parte dei luoghi sociali, culturali e ricreativi.

Super green pass dal 6 dicembre per alberghi e viaggi, come funziona

Il Super Green Pass servirà anche per alloggiare negli alberghi. Dal 6 dicembre, anche per soggiornare in hotel bisognerà presentare il Certificato Verde base, ossia basterà avere il tampone negativo e non per forza quello rafforzato.
Il Super Green Pass per alloggiare in albergo servirà a prescindere dal colore della regione, quindi già in zona bianca. In sostanza dal 6 dicembre al 15 gennaio per soggiornare in una struttura ricettiva sia in zona bianca che gialla, arancione e rossa, bisognerà presentare il Certificato Verde anche con il solo tampone, questo anche solo per dormire all’interno della struttura.

Allo stesso modo per mangiare nel ristorante dell’hotel o accedere alla Spa servirà ugualmente avere il Green Pass ma in caso in cui il ristorante dell’hotel sia aperto anche ai clienti esterni, servirà a questo punto il pass rafforzato come indica il nuovo decreto, secondo cui per mangiare al ristorante al chiuso serve il Super Green Pass e non solo quello base.

Vietati gli ingressi da alcuni paesi

Per quanto riguarda i viaggi dal 6 dicembre servirà il Green Pass base non solo per salire su aerei, navi, traghetti e treni ad alta velocità ma anche per bus, tram, metro e treni locali e regionali. Per i viaggi all’estero, al momento, non sono previsti cambiamenti. Si potrà viaggiare in un paese straniero con il Green Pass base a seconda della lista di cui fa parte il paese come comunicato sul sito della Farnesina Viaggiare Sicuri.

Per tornare in Italia servirà sempre compilare il modulo PLF. Intanto, il ministro Speranza ha emanato un’ordinanza che vieta tutti gli arrivi dal Sudafrica e altri paesi africani per chi ha transitato questi luoghi negli ultimi 14 giorni a causa della nuova variante Nu:
“Ho firmato una nuova ordinanza che vieta l’ingresso in Italia a chi negli ultimi 14 giorni è stato in Sudafrica, Lesotho, Botswana, Zimbabwe, Mozambico, Namibia, Eswatini. I nostri scienziati sono al lavoro per studiare la nuova variante B.1.1.529. Nel frattempo seguiamo la strada della massima precauzione”.

Vedi anche: Super Green Pass, tutte le misure ufficiali: cosa cambia per viaggi, ristoranti, teatri e stadi da dicembre

Argomenti: ,