Sintomi del covid sono cambiati, ecco quelli da tenere d’occhio adesso

Sintomi del covid sono cambiati, ecco quelli da tenere d'occhio

di , pubblicato il
Sintomi covid

Il covid-19 non è affatto sparito e anche se nelle ultime settimane si sente molto di più parlare dell’influenza australiana, a causa dell’alto numero di infetti in poche settimane, il virus Sars-Cov-2 c’è ancora e provoca fino a 90mila casi al giorno, anche se con la variante Omicron 5 e Cerberus, i sintomi sono meno gravi e anche i ricoveri. A quasi tre anni dallo scoppio della pandemia, molto è cambiato rispetto ai mesi iniziali. Questo soprattutto grazie alla campagna vaccinale e le misure sanitarie, ma le varianti covid continuano a circolare e ogni giorno sono migliaia i positivi che accusano sintomi molti simili a quelli dell’influenza. Riconoscere i sintomi, però, non è facile senza fare un tampone. Nelle ultime settimane sono stati milioni gli italiani malati con sintomi comuni come febbre, mal di testa, dolori muscolari, raffreddore, mal di gola etc.

Sintomi del covid sono cambiati, ecco quelli da tenere d’occhio

Può essere covid-19 ma anche influenza, ecco perché solo il tampone può svelare il mistero.

A fare chiarezza su come i sintomi del covid-19 stanno cambiando è stata una ricerca di Zoe Health Study condotta da un team di ricercatori del Massachusetts General Hospital, della Harvard Medical School e del King’s College di Londra. In genere, alcuni sintomi che hanno caratterizzato la prima fase della pandemia come la perdita di gusto e olfatto, sono molto meno presenti. Mentre risultano popolari sintomi comuni che possono appunto far pensare ad una comune influenza. Tramite un’app mobile, funzionante sia su Android che su iOS, gli esperti sono riusciti a raccogliere le informazioni su milioni di persone contagiate dal covid. I sintomi più comuni riscontrati negli ultimi mesi sono stati mal di gola, naso chiuso e starnuti.

Dipende anche dallo stato vaccinale

Molto meno presente la febbre. Ovviamente i casi possono variare, quindi qualcuno potrebbe presentare proprio la febbre, altri no, c’è chi ha avuto tosse, chi no e via dicendo. Molto dipende anche dallo stato vaccinale. Chi ha fatto le tre dosi di vaccino, ha più comunemente ammesso di aver avuto dolore alla gola, poi anche tosse secca persistente, naso che cola, mal di testa e naso chiuso.

La guarigione avviene nel giro di qualche giorno, anche se si può rimanere positivi anche dopo l’assenza di sintomi. Chi, invece, ha fatto solo una dose di vaccino sembra aver presentato maggiormente mal di testa, ma anche naso che cola, mal di gola e forte tosse. La perdita di olfatto e gusto e la febbre sono stati invece riscontrati comunemente nelle persone che non si sono vaccinate. Quindi, grazie alla vaccinazione si sono evitati sintomi molto più pesanti.

Argomenti: , ,