Sciopero treni in Veneto 6 luglio e Atm e Trenord a Milano 11 e 14 luglio: orari delle proteste

Luglio di passione per i trasporti con i primi scioperi di treni e mezzi pubblici in alcune città italiane.

di , pubblicato il
Luglio di passione per i trasporti con i primi scioperi di treni e mezzi pubblici in alcune città italiane.

Luglio sarà un mese molto caldo sul fronte scioperi. Si parte dal 9 luglio con lo sciopero dei taxi, passando per il giorno 11, quando a fermarsi saranno i mezzi pubblici Atm a Milano per tutta la giornata a cui seguirà il 14 luglio uno sciopero di Trenord. I giorni davvero neri, però, saranno il 24 luglio, quando è stato proclamato uno sciopero nazionale dei trasporti che coinvolgerà treni, mezzi pubblici, traghetti e taxi e il 26 luglio con lo sciopero degli aerei.

 

Sciopero treni in Veneto il 6 e 7 luglio 

Nel frattempo il 6 e 7 luglio è stato indetto uno sciopero dei treni in Veneto che inizierà alle ore 22 di sabato 6 luglio e finirà alle ore 23 di domenica 7 luglio. L’annuncio è stato dato dal Servizio trasporti pubblici della Provincia di Trento per comunicare in anticipo i possibili disagi che si potrebbero avere durante le ore dello sciopero. Durante le ore dello sciopero ci potrebbero essere cancellazioni dei convogli sulle linee del Brennero e della Valsugana Veneto mentre le linee a lunga percorrenza non dovrebbero essere interessate. I passeggeri quindi sono invitati a tenersi informati sui possibili disagi e cancellazioni consultando i siti fsnews.it, trenitalia.com e rfi.it.

Sciopero Atm e Trenord l’11 e 14 luglio 

Ancora scioperi a livello locale con lo stop dei treni Trenord in Lombardia proclamato dal sindacato Orsa. Lo sciopero inizierà nella notte del 14 luglio e andrà avanti per 24 ore. Come sempre, ci potrebbero essere cancellazioni di convogli e ritardi per cui i passeggeri sono invitati a tenersi aggiornati visitando la pagina di Trenord. Sempre a Milano il giorno 11 luglio si svolgerà lo sciopero del personale Atm proclamato 

Dal sindacato Cub trasporti. Bus, metro e tram saranno bloccate per 24 ore. Lo sciopero è stato indetto per per protestare contro il piano di affidare il servizio di trasporto pubblico a una società chiamata Milano Next, che includerà anche Busitalia, Igpdecaux, A2a e Hitachi Rail Italy.

I cittadini milanesi, quindi, rischiano di rimanere a piedi per la giornata dell’11 luglio mentre due giorni dopo sarà la volta dei treni locali, che metteranno a repentaglio la circolazione.

Leggi anche: Sciopero mezzi pubblici, taxi, aerei 24 e 26 luglio 2019: ecco i primi dettagli

Sciopero taxi del 9 luglio, c’è la conferma dei sindacati

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: ,