Piano di sicurezza nazionale: ecco come l’Italia si prepara a un attacco nucleare

Piano di sicurezza nazionale: le linee guida per proteggersi da un attacco nucleare.

di , pubblicato il
Russia armi laser guerra

Fin dai primi giorni di guerra in Ucraina, il presidente della Federazione Russa Vladimir Putin ha minacciato l’Occidente di essere pronto a usare le armi atomiche in caso di intervento da parte della Nato. Con il conflitto che sembra protrarsi a lungo, e la volontà di Putin di proseguire fino a quando l’esercito russo non avrà portato a termine la missione speciale per denazificare e demilitarizzare l’Ucraina, i Paesi dell’Unione Europea e le altre nazioni che fanno parte dell’Alleanza stanno correndo ai ripari. Da un lato c’è che torna a investire nell’esercito e nel proprio armamento, chi invece riorganizza le proprie difese.

È questo il caso dell’Italia. Il governo italiano sta infatti discutendo l’aggiornamento del Piano di sicurezza nazionale per la gestione delle emergenze nucleari e radiologiche. Ecco quali sono le indicazioni riportate nella bozza del nuovo piano, anticipate dal portale Quotidianosanità.it.

Piano di sicurezza nazionale: le linee guida per proteggersi da un attacco nucleare

Nella bozza del piano di sicurezza nazionale sono incluse le linee guida rivolte alla popolazione per proteggersi da un eventuale attacco nucleare. Innanzitutto, c’è l’indicazione di restare dentro casa, con finestre e porte chiuse.

In secondo luogo, il piano prevede lo spegnimento dei condizionatori e dei sistemi di ventilazione fino a un massimo di due giorni. A ciò si aggiunge il blocco della circolazione stradale.

Distribuzione di iodio stabile per proteggere la tiroide

Non mancano nemmeno interventi di iodioprofilassi, vale a dire la distribuzione di iodio stabile per proteggere la tiroide, ridurre l’esposizione allo iodio radioattivo e prevenire effetti più gravi delle possibili radiazioni, come morte delle cellule, disfunzioni cellulari, mutazioni, neoplasie e malattie ereditarie.

Inoltre, il piano di sicurezza nazionale del governo italiano in previsione di un attacco nucleare prevede una diminuzione della commercializzazione e produzione dei prodotti alimentari, in particolare quello di origine animale e vegetale.

Vedi anche: Paura Guerra nucleare, come funzionano le bombe atomiche e quanto sono distruttive

Argomenti: ,