'Obbligo di tampone per entrare in Italia, l’UE non ha capito nulla

Obbligo di tampone per entrare in Italia, l’UE non ha capito che il vaccino non esclude i contagi

Per entrare in Italia ci vuole l'obbligo di tampone negativo, ma l'Unione Europea ora chiede spiegazioni al nostro paese.

di , pubblicato il
Green Pass ospedale

Tuoni e fulmini da parte dell’Unione Europea contro l’Italia. Il Ministro Speranza ha deciso, non si entra nel nostro paese senza l’obbligo del tampone, che ci sia il vaccino o no. L’UE chiede spiegazioni, ed è preoccupante che non abbiano capito ancora come funzionano i contagi del Covid.

Obbligo tampone, altrimenti niente Italia

Il tampone negativo è diventato conditio sine qua non per entrare nel nostro paese, lo ha deciso il Ministro Speranza che appunto ricorda che i vaccinati non sono meno contagiosi dei non vaccinati, almeno per quanto riguarda la carica virale, poi è naturale che un vaccinato positivo al Covid, ma senza sintomi, avrà meno occasioni di infettare, perché non tossirà e non starnutirà. Questi però non sono gli unici veicoli per trasmettere il virus, quindi è ragionevole la scelta dell’obbligo del tampone.

Non è però di questo avviso l’Unione Europea che, a quanto pare, non ha invece capito che il vaccino non esclude definitivamente i contagi, semmai li limiti, ma anche questo è da vedere, visto che, nonostante abbiamo i vaccini da quasi un anno, i contagi continuano a salire in molte parti del mondo. Non è mancata quindi la reazione, e arriva dalla vicepresidente della Commissione Europea Vera Jourova che ha parlato a Bruxelles dopo il Consiglio Affari Generali.

Obbligo tampone, l’UE non ci sta

Le scelte unilaterali dei Paesi minano la fiducia delle persone. Il green pass non è morto, è uno dei progetti Ue più di successo. Quando la Commissione ha proposto il regolamento volevamo mantenere il principio di libertà di viaggio, a patto che i viaggiatori fossero vaccinati, con un test negativo o guariti dal Covid.

Gli Stati hanno voluto mantenere una porta aperta, per introdurre ulteriori restrizioni, che devono essere però giustificate”. Insomma, secondo l’UE la scelta dell’Italia delegittima il Green Pass per i vaccinati, il che è indubbiamente vero, ma bisogna rendersi conto che anche lo stesso Green Pass deve essere ancora rivisto, e che la soluzione migliore per limitare i contagi rimane solo il tampone.

Potrebbe interessarti anche Variante Omicron: fino a 70mila casi al giorno in Italia, ecco chi rischia il contagio e il lockdown

Argomenti: ,