Governo Meloni: il toto-ministri e il ruolo di Tajani e Salvini

Governo Meloni: le ultime sul toto-ministri, cresce l'attesa per sapere i nomi.

di , pubblicato il
Sondaggi politici elettorali

A distanza di qualche giorno dalle elezioni e spente le polemiche da parte di chi non ha accettato i risultati, a torto o ragione, ora è tempo di pensare a come sarà il nuovo governo. La curiosità dei cittadini italiani gira intorno al toto-ministri: “Chi ci sarà? Cosa farà Matteo Salvini? Chi sarà il Ministro dell’Economia?”. E potemmo andare avanti ad oltranza. Il governo Meloni potrebbe nascere ancora prima della fine di ottobre. L’accelerazione alla nascita del nuovo esecutivo arriva dal presidente della Repubblica, che vorrebbe aprire le consultazioni subito dopo la prima riunione delle due Camere. Indicativamente, quindi, intorno al 15 ottobre.

D’altronde, fin dalle prime settimane il nuovo governo avrà di fronte a sé delle sfide difficili, una su tutte il caro bollette. Senza contare che, entro la fine dell’anno, dovrà presentare anche la manovra finanziaria per il 2023. Insomma, di cose da fare ce ne sono, tutte tra l’altro di una certa importanza.

E Fratelli d’Italia, insieme a Giorgia Meloni, sono “pronti”.

Governo Meloni: le ultime sul toto-ministri

I tre ministeri chiave del prossimo governo guidato da Giorgia Meloni sono quelli di Economia, Esteri e Interno. Al MEF la candidata premier vorrebbe Fabio Panetta, dal 2020 membro del Comitato esecutivo della Banca Centrale Europea.

Per il ministero degli Esteri, invece, la scelta dovrebbe ricadere su Elisabetta Belloni, dal 2021 direttrice generale del Dipartimento delle informazioni per la sicurezza. Le alternative sono Antonio Tajani, ex presidente dell’Europarlamento, e Giulio Terzi di Sant’Agata, ministro degli Esteri nel governo Monti.

In quota Fratelli d’Italia, il toto-ministri vede coinvolti i seguenti profili:

-Guido Crosetto: ministro degli Esteri, ministro della Difesa, sottosegretario alla presidenza del Consiglio

-Ignazio La Russa: presidente del Senato

-Francesco Lollobrigida: ministro dei Trasporti

-Fabio Rampelli: ministro per il Sud, presidente della Camera

-Edmondo Cirielli: ministro per il Sud

-Daniela Santanchè: ministro del Turismo

-Giampolo Rossi: ministro della Cultura

-Raffaele Fitto: ministro degli Affari europei

-Giuseppe Valditara: ministro della Ricerca

-Lucio Malan: ministro dei Rapporti con il Parlamento

-Carlo Nordio: ministro della Giustizia.

Questi invece i possibili ministri in quota Lega:

-Giancarlo Giorgetti: presidente della Camera

-Matteo Salvini: vicepresidente del Consiglio

-Matteo Piantedosi: ministro dell’Interno

-Edoardo Rixi: ministro delle Infrastrutture

-Massimo Garavaglia: ministro del Turismo

-Erika Stefani: ministro della Disabilità

-Vannia Gava: ministro della Transizione ecologica

-Gianmarco Centinaio: ministro dell’Agricoltura

-Giulia Bongiorno: ministro delle Pari opportunità

Ecco, infine, i possibili ministri in quota Forza Italia:

-Antonio Tajani: ministro degli Esteri, ministro della Difesa

-Andrea Mandelli: ministro della Salute

-Elisabetta Casellati: una poltrona di peso, ancora però da individuare per l’ex presidente del Senato

-Anna Maria Bernini: ministro dell’Istruzione

-Licia Ronzulli: ministro dell’Istruzione.

Questa lista è per adesso del tutto indicativa ma possibile, come riportano molte testate. Non dovremo aspettare molto per sapere con certezza come sarà formato il nuovo governo. Poi ognuno potrà trarre le proprie conclusioni.

Argomenti: , ,