Gli scenari dopo la guerra in Ucraina anche per l’Italia: come sarà il mondo dopo la fine del conflitto

Come sarà il mondo dopo la fine della guerra in Ucraina?

di , pubblicato il
Finde del mondo

Innanzitutto è doverosa una precisazione: la fine della guerra in Ucraina non sembra imminente, nonostante i primi colloqui a Istanbul sembravano aprire uno spiraglio di pace. Anche alla luce del massacro di Bucha, c’è la sensazione che per arrivare a un trattato di pace tra Ucraina e Russia debba trascorrere ancora diverso tempo.

E se è lecito domandarsi quando finirà la guerra, è altrettanto importante chiedersi come sarà il mondo dopo. Nelle scorse ore il  Corriere della Sera ha pubblicato una lunga riflessione al riguardo.

L’opinione sugli scenari dopo la guerra in Ucraina

Citando Antonio Pedersoli, rispettato avvocato che lavora per uno dei più importanti studi legali italiani, “tutto ciò che è accaduto avrà conseguenze sugli aspetti relazionali, e non solo nella forma degli accordi e dei contratti”, per cui è lecito attendersi “uno scenario da Guerra Fredda 2.0” dopo la conclusione dei negoziati.

L’editorialista del Corriere della Sera si spinge anche più avanti, mettendo in chiaro quale sia la differenza tra la Guerra Fredda del Novecento e quella del nuovo millennio: rispetto ad allora,“l’Occidente democratico non ha più, nella mappa del potere economico mondiale, una strategica centralità”. Sempre stando al pensiero di Ferruccio De Bortoli, c’è un altro problema ancora più grave, dal momento che i Paesi occidentali non si renderebbero conto della situazione assai diversa rispetto al passato, e così restano nella convinzione “di averla, di conservarla” (la centralità del potere economico mondiale, ndr).

Come sarà il mondo dopo la fine della guerra in Ucraina?

In chiusura della sua riflessione sul Corriere della Sera, Ferruccio De Bortoli si lascia andare a un’amara constatazione: “Siamo più piccoli, come europei e occidentali, più di quando non pensiamo. E ci siamo a lungo illusi che gli altri volessero essere come noi”.

Nel quadro fosco dipinto da De Bortoli, viene così dipinto un cambiamento in atto all’interno dello scacchiere del nuovo ordine mondiale, in cui Cina, India (e Russia?) avranno un peso sempre più dominante.

Vedi anche: Guerra in Ucraina, un’altra profezia nera su Putin: cosa accadrà entro la fine dell’anno

Argomenti: ,