Film più disturbanti di sempre, arriva la classifica e al primo posto c’è un italiano

Quali sono i film più disturbanti di sempre? Arriva la classifica con la top 20 delle pellicole insostenibili.

di , pubblicato il
Pasolini

Stavolta siamo primi, arriva la classifica dei film più disturbanti di sempre, opera di Complex, sito statunitense se spazia sui vari fenomeni del pop. Sono 50 le posizioni presentate dagli esperti della redazione, vediamole tutte.

Classifica film più disturbanti di sempre

Classifiche di questo genere sono molto opinabili, in effetti è molto soggettivo considerare cosa ci disturbi maggiormente. Ma è innegabile che in linea di massima, molte di queste pellicole hanno impressionato e disturbato tanti spettatori. Al primo posto però possiamo vantare un grande primato, vi facciamo subito spoiler, c’è Pier Paolo Pasolini con il suo grande capolavoro Salò o le 120 giornate di Sodoma. Pellicola ostracizzata, censurata, messa a macero, ma poi alla fine salvata e divenuta classico immortale del cinema.

Sul podio film terribili come Nekromantic e Cannibal Holocaust. Anche quest’ultimo è un film italiano, opera di Ruggero Deodato. Insomma, Italia al primo e terzo posto, davvero un gran risultato per gli appassionati del genere. Ci aspettavamo forse un po’ più in zone importanti pellicole insostenibili come August Underground, A Serbian Film e Martyrs, probabilmente anche Aftermath e Flowers of Flesh and Blood meritavano qualche posizione più alta.

Film più disturbanti, la classifica con la top 20

20. Martyrs (2008) di Pascal Laugier
19. Eraserhead (1977) di David Lynch
18. Blood Feast (1963) di Herschell Gordon Lewis
17. Inside (2007) di Alexandre Bustillo and Julien Maury
16. Visitor Q (2001) di Takashi Miike
15. A Serbian Film (2011) di Srđan Spasojević
14. August Underground (2001) di Fred Vogel
13 – L’ultima casa a sinistra di Wes (1972) Craven
12. Titicut Follies (1967) di Frederick Wiseman
11. Flowers of Flesh and Blood (1975) di Hideshi Hint
10. Irréversible (2002) di Gaspar Noé
9. Requiem for a Dream (2000) di Darren Aronofsky
8. Aftermath (1994) di Nacho Cerdà
7. In a Glass Cage (1987) di Agustí Villaronga
6 – Harry pioggia di sangue (1986) di John McNaughton
5.

Audition (1999) di Takashi Miike
4. Pink Flamingos (1972) di John Waters
3. Cannibal Holocaust (1980) di Ruggero Deodato
2. Nekromantik (1987) di Jörg Buttgereit
1. Salò o le 120 giornate di Sodoma di Pier Paolo Pasolini

Potrebbe interessarti anche Spider-Man No Way Home, l’ultimo spot conferma la presenza dei 3 Spiderman

Argomenti: