Covid, estate 2021: difendersi con vitamina D e sonno, lo spiegano gli endocrinologi

Gli esperti endocrinologi spiegano come un ‘pieno’ di vitamina D e sono possano difendere dal Covid durante le vacanze estive 2021.

di , pubblicato il
covid

Potenziare il sistema immunitario e renderlo più efficiente contro il Covid, il tutto godendosi in maniera sana le vacanze in estate 2021. Le ferie potrebbero aiutarci insomma a fronteggiare al meglio il virus Sars-CoV-2 e a spiegarlo sono gli esperti della Società Italiana di Endocrinologia (SIE) durante il 41° Congresso Nazionale che si tiene durante il mese di luglio. Centrale è l’azione dei cosiddetti ormoni ‘amici dell’estate’.

La vitamina D per difendersi dal Covid durante le vacanze estive 2021

Si tratta di semplicissime regole e di un’organizzazione intelligente del proprio tempo in vacanza. Il primo suggerimento è quello di un’esposizione al sole per almeno 30 minuti al giorno. Il motivo è che questo lasso di tempo basta per ricaricarsi di vitamina D, una sostanza che aiuta a regolare il sistema immunitario.
Il presidente della SIE, Francesco Giorgino, parla della vitamina D. Comunica che oltre ad avere una funzione benefica per le ossa, “può agire anche in numerosi altri organi del corpo umano e nel miglioramento delle difese immunitarie”. Secondo Annamaria Colao della SIE, la vitamina D contribuisce anche ad altro. Ovvero a impedire “le reazioni esagerate che portano alla tempesta citochinica infiammatoria che le evidenze cliniche annoverano fra i principali responsabili dell’aggravarsi della malattia”.

Non solo vitamina D, ecco le altre regole per difendersi in vacanza

Alla giusta esposizione al sole, secondo gli endocrinologi, si devono aggiungere altre pratiche virtuose in vacanza. La prima è quella di regalarsi almeno 8 ore di sonno a notte, anche con l’aiuto della melatonina che si sta studiando come possibile ormone anti-Covid.

Fondamentale per difendersi dal Covid è anche staccare completamente la spina e non pensare più al lavoro.

Le vacanze estive sono l’occasione migliore per ridurre la quantità di cortisolo in circolo, quello che viene definito l’ormone dello stress, e che, quando è in eccesso, può compromettere la risposta immunitaria dell’organismo. Come spiegano i coordinatori del Club SIE del Surrene, Giorgio Arnaldi e Massimo Terzolo, il cortisolo “è un ormone fondamentale per la risposta allo stress e ha un preciso ritmo circadiano: ogni giorno c’è un picco di produzione fra le 6 e le 8 del mattino”.
Ma non è tutto. Fare esercizi per 30 minuti al giorno può essere estremamente utile, in quanto aiuta la produzione di miochine, rilasciate dai muscoli, che hanno il potere di migliorare il metabolismo, ridurre le infezioni e aiutare a mantenersi in salute e in forma.

Leggi anche: Vidprevtyn, nuovo vaccino anti Covid, chi dovrà farlo e quando sarà disponibile?
[email protected]

Argomenti: ,