Birre d’Italia 2021: i migliori birrifici dello Stivale secondo Slow Food

I birrifici da non perdere secondo la Guida alle Birre d'Italia 2021 di Slow Food Editore.

di , pubblicato il
I birrifici da non perdere secondo la Guida alle Birre d'Italia 2021 di Slow Food Editore.

Quali sono le migliori birrerie d’Italia? A dircelo la classifica o meglio la Guida alle Birre d’Italia 2021 di Slow Food Editore che ha mappato le migliori mettendo in rilievo alcune caratteristiche essenziali. La Guida è uscita in libreria dal 1 luglio e considera 1866 etichette e 387 stabilimenti segnalati, dove il primato va al Piemonte con 45 menzioni.

I birrifici migliori

La guida si basa su 4 fattori: Le Chiocciole ossia i birrifici eccellenti e di qualità, Le Eccellenze, birrifici che riescono ad esprimere una qualità media su tutta la produzione, Le Birre imperdibili ossia notevoli e con particolari caratteristiche e le Le Birre Slow, ottime per valore organolettico.

Per quanto riguarda la categoria Le Chiocciole in lizza troviamo nella regione Lombardia: Limido Comasco – Birrificio Italiano, Devio – Birrificio Rurale, Milano – Lambrate, Monza – Carrobiolo, Comun Nuovo – Elav e Villa d’Adda – Hammer. In Piemonte invece spiccano Trecate – Croce di Malto, Marentino – LoverBeer, Montegioco – Montegioco, Graglia – Elvo, Vernante – Troll e Villar Perosa – Beba. In Liguria Genova – Maltus Faber, in Alto Adige, Bolzano – Batzen e ancora in Veneto Villaga – Siemàn e Sovizzo – Ofelia. Nella Regione Friuli Venezia Giulia Forni di Sopra – Foglie d’Erba mentre in Toscana Pietrasanta – Birrificio del Forte e Lucca – Brùton. Nelle Marche tra le migliori birrerie spiccano Serrapetrona – MC-77 e Porto Sant’Elpidio – Mukkeller, in Umbria Assisi – Birrificio dell’Eremo e in Lazio Bassano Romano – Hilltop e Bracciano – Vento Forte.

Tra i migliori birrifici segnalati a livello regionale c’è anche l’Abruzzo con Notaresco – Opperbacco e Loreto Aprutino – Almond ’22, in Campania Roccadaspide – Birrificio dell’Aspide e Massa Lubrense – Sorrento, in Puglia Lecce – B94 e Conversano – Birranova e infine in Sardegna Maracalagonis – Barley.

Eccellenze

Nella lista delle Eccellenze, invece, citiamo il Birrificio della Granda – Lagnasco (CN), CitaBiunda – Neive (CN), Un Terzo – Pralungo (BI) Kamun – Predosa (AL) in Piemonte, le birrerie Manerba – Manerba del Garda e Porta Bruciata – Rodengo Saiano in Lombardia e il Birrificio Valsenio – Casola Valsenio in Emilia Romagna. Ovviamente questo è solo un assaggio delle numerose birrerie inserite nella guida di Slow Food, un modo per conoscere il nostro territorio e le realtà artigianali di qualità.

Leggi anche: Birre d’Italia, i migliori birrifici secondo la nuova guida degli esperti

[email protected]

Argomenti: ,