Area B Milano: nuovi aggiustamenti su Area C, auto ibride e i 50 ingressi

Area B Milano: nuovi aggiustamenti su Area C e non solo. Ecco cosa potrebbe cambiare.

di , pubblicato il
prezzi auto Foto © Pixabay

“Da quando è scattata la nuova Area B a Milano non ci sto capendo più niente, non posso neppure parcheggiare nei parcheggi di interscambio, molti inutilizzabili”. Frasi del genere e preoccupazioni sono all’ordine del giorno tra gli automobilisti che devono recarsi in città per lavoro o altri motivi e devono sottostare a regole severe che hanno creato un certo caos. Con l’Area B a Milano, e il conseguente blocco alla circolazione di molti veicoli a benzina e diesel nell’area delimitata dal divieto, molti possessori di auto vivono nell’incertezza. Da quando il 1 ottobre sono state avviate le nuove regole in molti hanno sperato in una correzione ma il sindaco Beppe Sala non vuole arretrare. Come scrive il Corriere – però – nei prossimi mesi sono possibili delle correzioni.

Area B Milano: nuovi aggiustamenti su Area C e non solo

Nelle ultime ore a Milano si sono incontrati i capigruppo dei partiti di opposizione che vogliono continuare la battaglia contro la ztl.

In lizza c’è il problema dei parcheggi di interscambio inutilizzabili. Dei 26 parcheggi messi a disposizione per i pendolari, infatti, circa 14 non si possono utilizzare. Sono collocati all’interno dell’Area B e quindi gli automobilisti rischiano una multa se lasciano lì l’auto per prendere i mezzi. Dovrebbe anche arrivare un chiarimento in merito alle auto di servizio delle forze dell’ordine.
Un altro punto su cui c’era una certa confusione riguardava i 50 ingressi a disposizione. Sala ha voluto precisare che questi ingressi sono da intendersi in 50 giorni. Nella pratica se si entra più volte nell’Area B nell’arco della stessa giornata, gli ingressi consentiti non saranno contati.

Il problema delle auto ibride

C’è un pò di confusione anche in merito all’Area C e le auto ibride. Lo scorso lunedì è stato introdotto il biglietto obbligatorio a pagamento per chi ha un’auto ibrida ma solo per quelle che producono più di 100 grammi per chilogrammo di CO2. Dopo la ricezione di numerose richieste di spiegazioni da parte di possessori di questo tipo di auto, il Comune ha chiarito che gli automobilisti con auto ibride che vogliono accedere all’Area C dovranno iscriversi al portale My Area, inserendo la targa del proprio veicolo per ottenere i 40 ingressi gratuiti alla ztl. Al 41esimo ingresso il residente pagherà solo 2 euro, i non residenti 5.

Invece l’ingresso nella Cerchia dei Bastioni sarà del tutto proibito agli automobilisti che possiedono le auto diesel Euro 4 e 5 anche se residenti. Insomma, anche pagando il biglietto non si potrà superare il varco a meno di rischiare una seconda sanzione. La prima si rischia già superando l’Area B.

Infine, sono arrivati dei chiarimenti interessanti anche per gli utenti con il Telepass che hanno manifestato dei problemi con i pagamenti del ticket. Chi usa questo strumento, infatti, paga il prezzo pieno ma basterà scrivere a [email protected] per chiedere il rimborso della cifra già pagata con il Telepass.

Argomenti: ,