Ecco i 12 lavori che scompariranno nei prossimi anni: scopri se c’è anche il tuo

I lavori che scompariranno nei prossimi anni. La cassiera del supermercato e operatori allo sportello in banca tra quelli destinati a sparire.

di , pubblicato il
Lavori destinati a sparire

Avete mai pensato a quali sono i lavori destinati a sparire nei prossimi anni? Anche il mondo del lavoro cambia e mutano persino i lavori. Alcuni rischiano proprio di scomparire. Difficile pensare, immaginando il proprio lavoro, che a poter sparire sia proprio il nostro. Recenti studi confermano che nel prossimo futuro il mercato del lavoro andrà incontro a un’autentica rivoluzione. Secondo una ricerca condotta da McKinsey, citata da Today, il 50% dei lavoratori italiani potrebbe essere sostituito dai robot nel giro di qualche anno.

Si tratta di una svolta epocale, in termini sia storici che sociali, di cui però non si parla ancora abbastanza. Bocche cucite anche nei sindacati, dove sembrano essere altri i temi di maggiore preoccupazione. Una rivoluzione sociale dicevamo, ma anche un cambiamento drastico dell’ambiente lavorativo. Ciò che abbiamo visto poco dopo l’esplosione della pandemia è soltanto un assaggio di ciò che potrebbe accadere nei prossimi anni.

Della serie, non ci sono solo i lavori più pagati.

I lavori che scompariranno nei prossimi anni

Ecco l’elenco dei lavori destinati a scomparire nel corso dei prossimi anni:

  • operatore allo sportello in banca
  • cassiera del supermercato
  • operatori delle agenzie di viaggio
  • operatori di assemblaggio
  • operatore nei fast-food
  • consulente finanziario
  • assicuratore
  • produttore di componenti industriali
  • hostess
  • giornalista carta stampata
  • postino
  • installatore contatore utenze.

La cassiera del supermercato e operatori allo sportello in banca tra quelli destinati a sparire 

Al primo posto troviamo la cassiera del supermercato. Anche se ancora oggi la maggior parte delle casse prevede la presenza di una persona fisica, nel prossimo futuro questa figura professionale verrà mandata in pensione dalle casse automatiche.

La stessa sorte toccherà agli operatori allo sportello in banca.

È praticamente certo, infatti, che i bancomat riusciranno ad assolvere alle mansioni svolte ora allo sportello fisico. Discorso simile per chi lavora nelle agenzie di viaggio, dato che un numero crescente di persone vorrà prenotare online tramite Booking o Airbnb.

Disco rosso anche per le figure professionali oggi impegnate nell’assemblare componenti in fabbrica. Al loro posto, grazie allo sviluppo dell’automazione, arriveranno macchine pienamente performanti e in grado di assolvere al lavoro nel migliore dei modi. Un’altra mansione che rischia di scomparire in breve termine è quella di operatore nei fast-food, in sostituzione del quale troveremo gli odierni schermi touchscreen per ordinare.

Sul viale del tramonto poi le figure di assicuratore e consulente finanziario. Anche in questo caso tutta colpa dell’evoluzione tecnologica e della sempre più maggiore confidenza delle persone con smartphone e servizi digitali. Corrono il rischio di scomparire definitivamente anche hostess e postini: i primi sostituiti dai robot, i secondi da una crescita impressionante del settore della logistica.

Altre tre mansioni a rischio estinzione sono il giornalista della carta stampata, colui il quale installa il contatore delle utenze e infine il produttore di componenti industriali. Quest’ultimo, ad esempio, lascerà il proprio proposto alle stampanti 3D.

Argomenti: , ,