Tesla, Ford e le altre case automobilistiche spiano i cittadini cinesi per conto del governo?

Tesla e gli altri Big dell'auto trasmetterebbero informazioni sulla posizione e dozzine di altri dati a centri di monitoraggio sostenuti dal governo cinese

di Andrea Senatore, pubblicato il
Tesla

Più di 200 produttori, tra cui Tesla, Volkswagen, BMW, Daimler, Ford, General Motors, Nissan, Mitsubishi e la start-up NIO, trasmetterebbero informazioni sulla posizione e dozzine di altri dati a centri di monitoraggio sostenuti dal governo cinese, secondo quanto rivelato nelle scorse ore da The Associated Press.

Generalmente, questo accade senza alcuna conoscenza da parte dei proprietari di auto. Le case automobilistiche si difendono dicendo che stanno semplicemente rispettando le leggi locali, che si applicano solo ai veicoli elettrici. Funzionari cinesi dicono che i dati vengono utilizzati per l’analisi per migliorare la sicurezza pubblica, facilitare lo sviluppo industriale e la pianificazione delle infrastrutture e per prevenire le frodi nei programmi di sussidi.

Ma altri paesi che sono mercati importanti per i veicoli elettrici, tra cui gli Stati Uniti, il Giappone e tutta l’Europa non raccolgono questo tipo di dati in tempo reale. E i critici sostengono che le informazioni raccolte in Cina vanno al di là di quanto necessario per raggiungere gli obiettivi dichiarati del Paese. Questi dati potrebbero essere usati non solo per studiare da vicino la tecnologia delle case automobilistiche straniere, ma anche per la sorveglianza delle persone.

Sotto la guida di Xi Jinping, la Cina ha scatenato una guerra al dissenso, mobilitando i big data e l’intelligenza artificiale per creare un tipo di polizia più perfetto, in grado di prevedere ed eliminare le minacce percepite alla stabilità del Partito Comunista al potere.C’è anche preoccupazione per il precedente che queste regole hanno stabilito per la condivisione di dati da auto connesse di prossima generazione, che potrebbero presto trasmettere ancora più informazioni personali.

“Stiamo imparando molto sulle attività quotidiane delle persone e questo diventa parte di quella che chiamo sorveglianza onnipresente, dove praticamente tutto ciò che fai viene registrato e salvato e potenzialmente può essere usato per influenzare la tua vita e la tua libertà “, ha dichiarato Michael Chertoff, che ha ricoperto il ruolo di segretario del Dipartimento della sicurezza nazionale degli Stati Uniti sotto il presidente George W. Bush e ha recentemente scritto un libro intitolato” Exploding Data “.

Chertoff ha detto che le case automobilistiche globali dovrebbero porsi domande difficili. “Se quello che stai facendo è dare a un governo di un paese più autoritario gli strumenti per avere una sorveglianza massiccia, penso che le aziende debbano chiedersi: ‘Questo è davvero quello che vogliamo fare in termini di valori aziendali, anche se significa altrimenti rinunciare a quel mercato? ‘” Secondo le specifiche nazionali pubblicate nel 2016, i veicoli elettrici in Cina trasmettono i dati dai sensori dell’auto al produttore.

Da lì, le case automobilistiche inviano almeno 61 punti dati, inclusa la posizione e i dettagli sulla batteria e la funzione del motore in centri locali per la raccolta dei dati. I dati arrivano anche a un centro di monitoraggio nazionale per i nuovi veicoli energetici gestiti dal Beijing Institute of Technology, che raccoglie informazioni da oltre 1,1 milioni di veicoli in tutto il paese, secondo la National Big Data Alliance of New Energy Vehicles.

Leggi anche: Tesla: le sue auto hanno accumulato un miliardo di miglia con Autopilot attivo

Tesla Model 3

Tesla, Ford e Volkswagen sarebbero solo alcune delle numerose case automobilistiche che spiano in Cina i propri clienti per conto del governo cinese

Leggi anche: Tesla Semi si assicura un altro ordine importante prima del suo arrivo sul mercato

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Tesla