Lotus inaugura la linea di produzione della nuova Evija elettrica

Lotus ha inaugurato le nuove linee di produzione a Hethel dove verrà assemblata la nuova super car elettrica Lotus Evija

di , pubblicato il
Lotus Evija

Lotus ha inaugurato le nuove linee di produzione a Hethel dove verrà assemblata la nuova super car elettrica Lotus Evija. La vettura della casa inglese è realizzata su un telaio monoscocca in fibra di carbonio molto leggero e ha 4 motori elettrici complessivi per una potenza totale di 2.000 CV e 1.700 Nm di coppia. Sviluppato in collaborazione con Williams Engineering, Evija è stato presentato lo scorso luglio e secondo il marchio è in grado di raggiungere i 100 km / h da fermo in meno di 3 secondi, con una velocità massima pubblicizzata superiore a 320 km / h.

Lotus ha inaugurato a Hethel la linea di produzione per la nuova super car elettrica Lotus Evija

Sebbene le esatte prestazioni non siano ancora state confermate, si dice che la nuova Lotus Evija sia il modello stradale più potente e veloce nella storia del marchio. Anche se oggi, a dire il vero, la vera novità è la grande velocità con cui la società sembra arrivare alla produzione di questo modello. La produzione infatti sta iniziando meno di un anno dopo la presentazione ufficiale del progetto, che è stato presentato lo scorso luglio 2019 e meno di 3 mesi dopo aver presentato i primi prototipi di sviluppo.

La casa automobilistica britannica ha pubblicato una serie di immagini delle nuove strutture riservate alla futura produzione della Lotus Evija. Queste strutture si trovano accanto alla pista di prova del marchio, collegata alla fabbrica Lotus principale di Hethel. Secondo l’azienda, la nuova auto sportiva elettrica inizierà la produzione quest’estate, quindi le prime consegne avverranno poco dopo.

Leggi anche: La nuovissima hypercar Lotus Evija ha fatto il suo debutto pubblico alla Monterey Car Week

Lotus Evija

Lotus ha inaugurato a Hethel la linea di produzione per la nuova super car elettrica Lotus Evija

Leggi anche: Lotus: ecco i piani di espansione della casa inglese per i prossimi anni

 

Argomenti: