La “crisi d’identità” di Chrysler mette a rischio il futuro del marchio

Vendite in continuo calo e una crisi d'identità mettono in dubbio il futuro del marchio Chrysler

di , pubblicato il
Vendite in continuo calo e una crisi d'identità mettono in dubbio il futuro del marchio Chrysler

Nato quasi un secolo fa per produrre veicoli premium, Chrysler è ora un marchio che offre veicoli in segmenti in contrazione. Una proposta di fusione tra Fiat Chrysler Automobiles e la casa automobilistica francese Groupe PSA darebbe all’entità combinata 13 marchi, più di qualsiasi altra casa automobilistica globale. Ciò non promette nulla di buono, dicono gli esperti, per la sopravvivenza del marchio americano ridotto alla produzione di minivan e berline a grandezza naturale.

Vendite in continuo calo e una crisi d’identità mettono in dubbio il futuro del marchio Chrysler

“Se siamo abbastanza differenziati nei marchi, allora tutti potranno trovare spazio”, ha detto Tavares a dicembre. “I marchi continueranno nella società combinata”. Le vendite del marchio Chrysler, tuttavia, sono diminuite del 23% nel 2019 rispetto a un calo dell’1% nel complesso della casa automobilistica americana. Ha consegnato poco meno di 30.000 berline Chrysler 300, una riduzione del 37% e quasi 98.000 minivan Pacifica, un calo del 17%.

“Questa è una divisione che non sembra rappresentare una linea di prodotti vibrante e salutare”, ha dichiarato Karl Brauer, editore esecutivo di Cox Automotive Inc a proposito di Chrysler. “Non sembra avere un futuro brillante. Penso che la maggior parte delle persone sotto i 40 anni, non ha molta consapevolezza o affinità per quel marchio “.

“Nessuno ha mai chiesto se smetteremo di vendere muscle car”, ha detto. La casa automobilistica sta ancora investendo nel marchio Chrysler, ha dichiarato Kuniskis. Ha reintrodotto per l’anno modello del 2020 il nome Voyager come opzione meno costosa per la Pacifica. E alla fiera CES di questo mese a Las Vegas, Pacifica ha ottenuto un elegante aggiornamento su un concetto “Airflow Vision” incentrato sull’esperienza utente personalizzabile.

“Voglio davvero vedere il marchio sopravvivere”, ha dichiarato Frank B. Rhodes Jr., pronipote di Walter P. Chrysler, che ha fondato la società nel 1925 dai resti di Maxwell Motor Co.

Non è affiliato con il casa automobilistica, ma vuole assicurarsi che l’eredità del suo bisnonno sia preservata.

Leggi anche: Fiat Chrysler conferma la sua presenza ad un evento importante

 

Argomenti: