Fiat Chrysler Termoli: cassa integrazione anche a giugno

Anche a giugno la produzione nello stabilimento di Termoli si fermerà per alcuni giorni a causa del calo della domanda

di , pubblicato il
Anche a giugno la produzione nello stabilimento di Termoli si fermerà per alcuni giorni a causa del calo della domanda

Lo stabilimento Fiat Chrysler di Termoli al pari di tutti gli altri impianti del gruppo italo americano nel nostro paese non vive un buon momento. Il calo della domanda dei modelli di Fiat Chrysler Automobiles sta costringendo le fabbriche italiane di FCA a rimodulare la propria produzione riducendo il numero delle auto prodotte giornalmente nei vari stabilimenti. A Termoli pertanto anche nel mese di giugno così come già avvenuto nei mesi precedenti la produzione verrà stoppata per alcuni giorni.

Anche a giugno la produzione nello stabilimento di Termoli si fermerà per alcuni giorni a causa del calo della domanda

E’ stato ufficialmente comunicato a proposito dello stabilimento FCA di Termoli che uno stop dal 17 al 22 giugno avverrà per le linee di produzione dei cambi e per la linea del motore 16V. Inoltre dal 10 al 22 giugno ci sarà lo stop della produzione del motore V6 e del 2.0 T4. Questi stop vanno di pari passo con il calo della domanda per i veicoli di Alfa Romeo. Infatti anche a Cassino nei giorni scorsi è stato confermato un altro stop nel mese di giugno per lo stabilimento in cui vengono prodotte Giulia, Giulietta e Stelvio. Ovviamente i sindacati non nascondono la preoccupazione e si spera che la situazione possa migliorare già nel corso del prossimo anno.

Leggi anche: FCA farà un grosso investimento a Windsor ma per il momento i licenziamenti sono confermati

Fiat Chrysler Automobiles

Fiat Chrysler Automobiles: anche a giugno la produzione nello stabilimento di Termoli si fermerà per alcuni giorni a causa del calo della domanda per i veicoli del gruppo italo americano

Leggi anche: Fiat Punto addio: nei giorni scorsi prodotto l’ultimo esemplare, i lavoratori di FCA immortalano l’evento

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: