Ferrari ha svelato tutti i suoi segreti alla FIA, per questo l’accordo è segreto

Il motivo del silenzio della FIA potrebbe avere a che fare col fatto che la Ferrari ha aperto le porte di Maranello svelando tutti i suoi segreti

di , pubblicato il
Ferrari SF1000

Il motivo del silenzio della FIA sull’accordo con il cavallino rampante potrebbe avere a che fare col fatto che la Ferrari ha aperto le porte di Maranello svelando alla FIA il funzionamento della sua monoposto, informazioni che non possono essere condivise perché danno indizi ai rivali sull’unità di potenza della Scuderia. La FIA, come spiegato nella sua dichiarazione di questa settimana, non ha trovato prove inequivocabili che la Ferrari avesse imbrogliato con il suo motore del 2019, quindi ha deciso di raggiungere un accordo privato per chiudere il controverso problema che ha perseguitato la Scuderia  l’anno scorso. Il fatto che l’accordo fosse confidenziale non ha soddisfatto i rivali della Scuderia, che hanno chiesto spiegazioni.

Ora, dall’Italia dicono che il fatto che l’accordo fosse privato è dovuto alla Ferrari, che visto che la FIA non aveva strumenti per sapere se avevano rispettato le regole, ha aperto le porte di Maranello alla Federazione come parte dell’accordo. Pertanto, la FIA ha avuto accesso a tutti i segreti del team di Mattia Binotto e non può parlare per rivelare nulla sul presente progetto del gruppo.

Oltre agli impegni che la FIA ha annunciato di aver concordato con la Ferrari per migliorare la supervisione dei motori per le prossime stagioni, il team ha aperto le porte di Maranello ai tecnici della FIA. Questi sono stati in grado di partecipare a corsi full immersion non solo sulle unità di potenza, ma su tutte le aree del regolamento aperte a diverse interpretazioni, per imparare a rilevare irregolarità in futuro in tutte le apparecchiature.

Pertanto, la Ferrari ha deciso di aprire alla FIA i computer del suo reparto di gara.

In questo modo, la Federazione è stata in grado di conoscere il funzionamento del sistema di alimentazione del motore a combustione interna e la gestione dell’elettricità generata dall’MGU-H e fornita all’MGU-K. Secondo questa teoria, il silenzio della FIA è dovuto al fatto che la Federazione non può parlare del funzionamento del motore e di altri dettagli dell’attuale modalità di lavoro della Ferrari, poiché rivelerebbe i segreti del progetto 2020 della squadra.

Leggi anche: Formula 1: Mercedes, con pneumatici più morbidi della Ferrari e della Red Bull a Melbourne

Argomenti: