Tasse Universitarie: come calcolare il reddito equivalente

Per pagare le tasse universitarie si ha bisogno del reddito equivalente: cosa è e in base a cosa si calcola?

di Patrizia Del Pidio, pubblicato il
Per pagare le tasse universitarie si ha bisogno del reddito equivalente: cosa è e in base a cosa si calcola?

All’inizio del percorso di studi universitari, subito dopo l’immatricolazione, bisogna iniziare a pensare alle spese che l’Università comporta con il pagamento delle Tasse Universitarie. Il pagamento si divide in due rate, la prima all’inizio del primo semestre uguale per tutti gli studenti e la seconda calcolata in base al reddito familiare calcolando la situazione economica equivalente.   Cosa è il reddito equivalente e come si calcola? Il reddito equivalente è dato dalla somma dei redditi di tutti i componenti del nucleo familiare al netto dell’Irpef, che va incrementato del 20% ad esclusione della prima casa. Cerchiamo di comprendere innanzitutto il concetto di reddito equivalente attraverso un esempio pratico.   Per calcolare il reddito complessivo di un nucleo familiare bisogna prendere in considerazione tutto ciò che si possiede e che produce reddito: immobili, terreni automobili, patrimonio mobiliare a cui si deve sommare il reddito ottenuto dal lavoro o dalla pensione.   Il reddito complessivo di ogni componente del nucleo familiare p rilevabile con i modelli CU, nella dichiarazione dei redditi (730 o modello Unico). Dal valore complessivo del reddito va sottratto il valore della prima casa. Al reddito ottenuto si deve sommare il 20% ottenendo il reddito equivalente.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Dichiarazione Isee