Sospensione mutui: arriva l’OK dell’Unione Europea, proroga al 31 dicembre 2021

Arriva l'autorizzazione UE alla proroga al 31 dicembre 2021 della sospensione di mutui e dei finanziamenti in favore delle imprese e dei professionisti

di , pubblicato il
moratoria muti

Arriva l’autorizzazione UE alla proroga della sospensione di mutui e finanziamenti in favore delle imprese prevista dal decreto Sostegni-bis. Grazie all’autorizzazione UE, la proroga opererà fino al 31 dicembre 2021. La sospensione dei pagamenti riguarda mutui, finanziamenti a rimborso rateale, prestiti non rateali, linee di credito, leasing ecc. Beneficiarie della moratoria sono le Micro, Piccole e Medie imprese, MPMI. Anche i professionisti rientrano tra i soggetti beneficiari.

La sospensione dei mutui e dei finanziamenti al 31 dicembre 2021

L’art.16 del D.L. 73/2021, decreto Sostegni-bis, ha prorogato al 31 dicembre 2021 la sospensione dei mutui e dei finanziamenti rispetto al precedente termine del 30 giugno. Per beneficiare della proroga era necessario presentare apposita istanza al soggetto finanziatore. L’istanza andava presentata entro il 15 giugno e ha effetti solo sulla quota capitale. Gli interessi sono di nuovo dovuti a partire dal 1° luglio.

La sospensione dei pagamenti riguarda mutui, finanziamenti a rimborso rateale, prestiti non rateali, linee di credito, leasing ecc. Beneficiarie della moratoria sono le Micro, Piccole e Medie imprese, MPMI, le cui esposizioni debitorie non siano, alla data di pubblicazione del decreto Cura Italia, classificate come esposizioni creditizie deteriorate. Ai sensi della disciplina applicabile agli intermediari creditizi. Anche i professionisti rientrano tra i soggetti ammessi alla moratoria.

Nello specifico sono oggetto di sospensione:

  • le aperture di credito a revoca e per i prestiti accordati a fronte di anticipi su crediti esistenti alla data del 29 febbraio 2020 o, se successivi, a quella di pubblicazione del decreto Cura Italia, gli importi accordati, sia per la parte utilizzata sia per quella non ancora utilizzata, non possono essere revocati in tutto o in parte fino al 31 dicembre 2021;
  • i prestiti non rateali con scadenza contrattuale prima del 30 settembre 2020 i contratti sono prorogati, unitamente ai rispettivi elementi accessori e senza alcuna formalità, fino al 31 dicembre 2021 alle medesime condizioni;
  • i mutui e gli altri finanziamenti a rimborso rateale, anche perfezionati tramite il rilascio di cambiali agrarie, il pagamento delle rate o dei canoni di leasing in scadenza prima del 31 dicembre 2021 è sospeso sino alla stessa data.

Proroga sospensione mutui e finanziamenti: arriva l’OK dell’UE

Affinché avesse piena efficacia, la sospensione dei mutui e dei finanziamenti doveva essere autorizzata dall’Unione Europea.

Da qui, nei giorni scorsi è arrivato il via libera della Commissione Europea alla proroga della moratoria sui finanziamenti per le Piccole e Medie Imprese. La Commissione non ha sollevato obiezioni sul prolungamento previsto dal Decreto Sostegni-bis.

L’estensione del termine della moratoria viene ritenuta aiuto compatibile ai sensi della normativa sugli aiuti di Stato prevista dal Trattato sul Funzionamento dell’Unione Europea.

Infine, pare opportuno ricordare che:

  • oggetto della moratoria sono anche le rate in scadenza al 31 dicembre 2021;
  • la moratoria si applica anche anche a professionisti e lavorato autonomi;
  • non riguarda il credito al consumo;
  • non sono previsti nuovi e maggior oneri per entrambe le parti contrattuali.
Argomenti: