Sconto sull’acquisto casa fino a 48.000 euro: ecco come risparmiare già al momento del rogito

Per l’acquisto di immobili ristrutturati si ha diritto ad una detrazione del 50% con possibilità dello sconto in fattura o cessione del credito

di , pubblicato il
sconto sull'acquisto casa

Vediamo in questo articolo come ottenere lo sconto sull’acquisto casa già in sede di rogito notarile.

Quando si acquistano immobili a uso abitativo facenti parte di edifici interamente ristrutturati è prevista una detrazione IRPEF del 50% su una spesa massima di 96.000 euro per unità abitativa (se trattasi di case antisismiche ricadenti in zone sismiche 1, 2 e 3 la detrazione sale al 110%).

Condizione fondamentale ai fini del beneficio è che gli interventi di ristrutturazione hanno riguardato interi fabbricati e sono stati eseguiti da imprese di costruzione o ristrutturazione immobiliare e da cooperative edilizie che, entro 18 mesi dalla data del termine dei lavori, vendono o assegnano l’immobile.

Detrazione per l’acquisto della casa: come calcolare la detrazione

La normativa prevede, tuttavia, un calcolo particolare per questo tipo di detrazione. In dettaglio, indipendentemente dal valore degli interventi eseguiti, l’acquirente o l’assegnatario dell’immobile deve calcolare la detrazione (del 50%) su un importo forfettario rappresentato dal 25% del prezzo di vendita o di assegnazione dell’abitazione, risultante dall’atto di acquisto o di assegnazione (il prezzo è da considerarsi con IVA inclusa).

Esempio:

  • Prezzo risultante dall’atto di acquisto = 300.000 euro
  • Importo forfettario 25% = (300.000 x 25%) = 75.000 euro
  • Prezzo massimo su cui applicare la detrazione = 96.000 euro
  • Detrazione spettante = (96.000 x 50%) = 48.000 euro

Sconto sull’acquisto casa: come risparmiare subito

La detrazione per acquisto di case ristrutturate è da godere in 10 quote annuali di pari importo.

Pertanto, ad esempio, con riferimento alla spesa di acquisto sostenta nel 2020, la prima rata di detrazione è da godere nel Modello 730/2021 o Modello Redditi Persone Fisiche 2021 (anno d’imposta 2020) mentre l’ultima sarà indicata nel Modello 730/2030 o Modello Redditi Persone Fisiche 2030 (anno 2029).

Ad ogni modo, con riferimento alle spese 2020 e 2021, il contribuente può optare, in luogo della detrazione fiscale, per:

  • lo sconto in fattura accordato direttamente dall’impresa che vende o assegna l’immobile, la quale poi lo recupera nella forma del credito d’imposta da poter utilizzare in compensazione o cedere ulteriormente a terzi (inclusi istituti di credito e finanziari)
  • la cessione del credito a terzi soggetti, inclusa la stessa impresa ed inclusi istituti di credito e finanziari.

Laddove, dunque, l’acquirente o assegnatario dell’immobile riuscisse ad ottenere l’immediato sconto in fattura o l’immediata cessione del credito, ciò si tradurrebbe in un risparmio sul costo di acquisto già in sede di rogito (nell’esempio di cui sopra il risparmio sarebbe di 48.000 euro).

Potrebbero anche interessarti:

Argomenti: ,