Revisione auto storiche: procedura semplificata con le nuove regole. Ecco come si fa

Più semplice effettuare le revisione auto storiche dal 20 novembre. Ecco cosa cambia con le nuove diposizioni del Ministero dei Trasporti.

di , pubblicato il
Più semplice effettuare le revisione auto storiche dal 20 novembre. Ecco cosa cambia con le nuove diposizioni del Ministero dei Trasporti.

Cambiano le procedure per la revisione di auto storiche. Dal 20 novembre 2021 non è più obbligatorio effettuare il controllo periodico presso la Motorizzazione, basterà recarsi presso officine autorizzate.

La novità è stata resa nota dal Ministero dei Trasporti nell’ambito della procedura di snellimento delle pratiche durante l’emergenza sanitaria. Ma era già da tempo che l’associazione (ASI) chiedeva di cambiare le cose.

Revisione auto storica in officina

Più semplice quindi revisionare l’auto storica da adesso. Resta inteso che il proprietario del veicolo storico o di interesse collezionistico possa recarsi ancora presso la Motorizzazione Civile provinciale.

Anzi, è obbligatorio farlo qualora l’officina autorizzata non disponga dei mezzi per disporre le prove sui rulli dinamometrici. In questo caso, i controlli della frenata si dovranno svolgere presso la Motorizzazione con l’uso di un dispositivo GPS e il veicolo alla velocità di almeno 40 chilometri orari per calcolare una decelerazione superiore a 4,5 metri al secondo.

Da sapere che nel nuovo Decreto Semplificazioni è stata inserita anche la deroga al controllo delle emissioni per i veicoli costruiti prima del 4 agosto 1971. Pertanto non sarà necessario che siano sottoposti a prova dei gas di scarico.

Tariffa revisione

Anche per le auto storiche, dal 1 novembre 2021 aumenta la tariffa di revisione, sia in officina che presso la Motorizzazione. Il rincaro è del 22% rispetto alle precedenti tariffe.

Mettere in regola il proprio veicolo ogni due anni costa 9,95 euro in più. Il costo complessivo per chi porterà l’automobile presso le officine autorizzate per la revisione lieviterà quindi passando da 45 euro a 54,95 euro. A cui bisognerà aggiungere Iva, diritti e altri balzelli. Di seguito il riepilogo dei costi:

  • Revisione auto 54,95 euro
  • Iva 12,09 euro
  • Diritti Motorizzazione 10,20 euro
  • Servizio versamento postale 1,78 euro

Il totale salirà quindi a 79,02 euro.

Ma non è tutto. Le officine non autorizzate normalmente aggiungono altri costi, circa 40-50 euro, pari a un ora di lavoro del meccanico, per predisporre e portare il veicolo a revisione. Si arriva così a pagare anche più di 120 euro per una singola revisione auto.

Argomenti: ,