Quanti giorni di malattia spettano all’anno?

Quanti giorni di malattia spettano ad un lavoratore? Esiste una normativa valida per tutti o dipende dal contratto? Facciamo chiarezza

di , pubblicato il
Quanti giorni di malattia spettano ad un lavoratore? Esiste una normativa valida per tutti o dipende dal contratto? Facciamo chiarezza

A quanti giorni di malattia l’anno ha diritto un lavoratore? A ridosso delle vacanze natalizie e di fine anno ci scrivono diversi lettori per conoscere come funziona il calcolo dei giorni di malattia l’anno. Il limite massimo è universale per tutti oppure dipende dal tipo di contratto? Facciamo chiarezza.

Ammalarsi è un diritto del lavoratore

La regola generale vuole che sia riconosciuta l’indennità di malattia al lavoratore ogni qual volta che si verifica un evento morboso che gli impedisca a questo di svolgere le mansioni per le quali è stato assunto, purché confermato da certificato del medico curante. E’dunque tendenzialmente sbagliato impostare la domanda in questo modo, ovvero chiedersi a quanti giorni di malattia si ha diritto, come si fa invece con le ferie o i permessi. Potrebbe capitare di non ammalarsi mai in un anno oppure di stare più giorni a casa in malattia nell’arco di un mese. Proprio perché l’evento morboso non dipende dalla volontà del lavoratore. Più che diritto a giorni di malattia predefiniti dunque, il lavoratore ha diritto ad ammalarsi. Di norma, l’importo dell’indennità per malattia riconosciuta è pari al 50% della retribuzione media giornaliera per i primi 20 giorni e al 66,6% per i giorni successivi. L’indennità viene pagata dal quarto giorno di assenza (i primi tre sono a carico del datore di lavoro) fino alla guarigione o, comunque, fino alla scadenza della prognosi apposta sul certificato medico.

Dopo quanti giorni di malattia è ammesso il licenziamento?

Detto questo però è anche vero che subentra l’interesse del datore di lavoro allo svolgimento dell’attività e alla produzione. Tecnicamente con il termine di periodo di comporto ci si riferisce proprio al numero di giorni massimo di malattia ammessi durante l’anno, dopo i quali può scattare il licenziamento per giusta causa. Il numero di giorni di malattia previsti può variare in base alla categoria di lavoratore quindi si consiglia di consultare il Contratto Collettivo Nazionale del Lavoro della propria categoria.

Leggi anche: Superamento periodo di comporto, quanti giorni prima del licenziamento?

Il lavoratore che supera il periodo di comporto, perde il diritto all’indennità riconosciuta dall’INPS.

Va segnalato, però, che se la malattia dipende da un comportamento negligente o illegittimo da parte del datore di lavoro (ad esempio in caso di mobbing), le assenze non rientrano nel computo del comporto. Non si conteggiano neppure le patologie relative ad una gravidanza o ad un infortunio causato dal datore di lavoro.
Il periodo di comporto inoltre viene sospeso dalle ferie durante la malattia, anche se l’azienda non è tenuta a concederle.

Come controllare i giorni di malattia fatti?

Non sempre ci si segnano le assenze saltuarie per malattia. Come può il lavoratore sapere quanti giorni ha usato? Sul sito dell’Inps, accedendo con le proprie credenziali personali, si possono facilmente recuperate i certificati medici inviati telematicamente. E’ inoltre consigliabile chiedere un raffronto con i dati che risultano al datore di lavoro e in azienda.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: , ,