Prescrizione Imu e Tasi: entro quando le somme dovute non possono essere più pretese dal Comune?

Entro quanto tempo il Comune può ancora pretendere il pagamento di Imu e Tasi dopo la loro scadenza? Quanto è il termine di prescrizione per le tasse sulla casa?

di , pubblicato il
Entro quanto tempo il Comune può ancora pretendere il pagamento di Imu e Tasi dopo la loro scadenza? Quanto è il termine di prescrizione per le tasse sulla casa?

Entro quanto possono arrivare i controlli del Comune sulle imposte sulla casa non pagate? Su Imu e Tasi le sanzioni e i controlli hanno una prescrizione di 5 anni.

Oltre alla possibilità di provvedere al pagamento di un’imposta Comunale sugli immobili tramite il ravvedimento operoso, è bene sapere che esistono dei termini di prescrizione e decadenza oltre i quali l’amministrazione locale non può più pretendere il pagamento o il sanamento di un’imposta non pagata o pagata in parte.

Scaduto, quindi, il termine di prescrizione il debitore si libera del debito anche se non ha pagato.

Per Imu e Tasi il termine di prescrizioen è di 5 anni anche se esistono dei termini di prescrizione anche per effettuare controlli e notificare al contribuente l’accertamento.

Per chi non paga Imu e Tasi la cartella di pagamento non arriva in maniera immediata da parte dell’Agenzia delle Entrate poichè prima si deve ricevere da parte del Comune un avviso di accertamento che consente al contribuente di impugnarlo o di pagare immediatamente per evitare accertamenti successivi.

La scadenza per il Comune per effettuare controlli, pena la decadenza, è il 31 dicembre del quinto anno successivo a quello in cui è stata commessa la violazione.

Argomenti: , , ,

I commenti sono chiusi.