Prato sintetico a rotoli: spetta il bonus verde?

Rispondiamo ad una domanda pervenuta alla Redazione di Investire Oggi: “Buon pomeriggio una domanda: se acquisto tramite bonifico rotoli di prato sintetico rientro con il bonus verde? Grazie”.

di , pubblicato il
Rispondiamo ad una domanda pervenuta alla Redazione di Investire Oggi: “Buon pomeriggio una domanda: se acquisto tramite bonifico rotoli di prato sintetico rientro con il bonus verde? Grazie”.

Tra i bonus prorogati dalla Manovra 2022 c’è il bonus verde, che consiste in una detrazione Irpef del 36% sulle spese di sistemazione a verde di aree scoperte private di edifici esistenti, unità immobiliari, pertinenze o recinzioni, impianti di irrigazione e realizzazione pozzi.

Rispondiamo ad una domanda pervenuta alla Redazione di Investire Oggi:

“Buon pomeriggio una domanda: se acquisto tramite bonifico rotoli di prato sintetico rientro con il bonus verde? Grazie”.

Bonus verde per prato sintetico a rotoli

In linea di massima sono esclusi gli interventi di messa in opera di prato sintetico dal bonus verde. Ci sono casi in cui la domanda per richiedere il bonus verde per prato sintetico a rotoli potrebbe essere accettata e si potrebbe beneficiare della detrazione fiscale del 36%.

Secondo il Legislatore il prato sintetico non rientra tra le coperture a verde perché viene considerato una “copertura” (al pari di una copertura in cemento o in piastrellato).

Se il prato sintetico a rotoli va inserito in un cortile prima in cemento e sullo stesso si vanno a posizionare piante non finte, è possibile beneficiare del bonus verde del 36%.

Prato sintetico a rotoli: quali sono i benefici fiscali?

Se l’installazione di un prato sintetico non rientra tra gli interventi che possono beneficiare del Bonus Verde, è possibile godere di un beneficio fiscale?

L’installazione di un prato sintetico può rientrare tra i lavori di riparazione, sostituzione o rinnovo della pavimentazione esterna previsti tra le opere di Manutenzione Ordinaria dell’edilizia libera del D.P.R. 280 /2001 articolo 16, comma 1; lettera A. In questo caso non è prevista alcuna detrazione fiscale trattandosi di un intervento di manutenzione ordinaria.

Per poter godere di una detrazione fiscale del 50% per Ristrutturazione e dell’IVA agevolata al 10%, è necessario eseguire interventi di manutenzione straordinaria, che devono essere motivati.

È necessario l’intervento di un tecnico professionista che rediga una pratica da presentare al Comune nel quale è ubicato l’immobile, con la quale attesti che l’intervento di manutenzione straordinaria è motivato da ragioni che inibiscono al proprietario di beneficiare del verde.

Ad esempio, il prato sintetico a rotoli potrebbe essere installato nei casi in cui ci siano problemi di cedimento o infiltrazioni del terreno.

In ogni caso, è necessario rivolgersi ad un geometra o ad uno tecnico professionista, che fornisca una consulenza ad hoc ed è necessario richiedere un preventivo personalizzato ad una ditta che esegue interventi di manutenzione straordinaria.

 

 

 

Argomenti: