Pignoramento mobiliare: si può sequestrare lo smartphone del debitore o è abuso di diritto?

Lo smartphone può essere pignorato? Ecco per quali modelli e chi corre il rischio e quando invece il sequestro sarebbe abuso di diritto.

di , pubblicato il
Lo smartphone può essere pignorato? Ecco per quali modelli e chi corre il rischio e quando invece il sequestro sarebbe abuso di diritto.

Lo smartphone può essere oggetto di pignoramento mobiliare? Da un lato indubbiamente alcuni modelli di cellulare oggi hanno raggiunto un valore non indifferente, potenzialmente idoneo a coprire debiti o parte di essi, dall’altro va analizzata l’utilità di questo dispositivo. Se si intende lo smartphone come un bene primario nella vita odierna allora, alla stregua di quanto avviene con la maggior parte del mobilio in casa del debitore, non si potrà pignorare il telefono.

In linea di massima il cellulare è un bene mobile e, dunque, per principio, pignorabile. Si potrebbe rivendere lo smartphone al prezzo di mercato (tenendo conto del deprezzamento subìto visto che si tratta di un telefono usato in vendita). Si apre però un altro dubbio: nel cellulare ormai oggi c’è memorizzata gran parte della nostra vita. Foto, chat, password, app del conto corrente etc. Come la mettiamo in caso di sequestro in merito alla privacy?

Si può pignorare il telefono cellulare oppure lo smartphone è un bene impignorabile?

In verità, per rispondere a questa domanda, occorre partire proprio dalla lista dei beni impignorabili visto che si tratta di un elenco tassativo. Ebbene le norme appaiono però troppo generiche quindi risulta difficile capire se lo smartphone è un ben pignorabile oppure no. Il riferimento legislativo è all’articolo 514 del Codice di Procedura Civile: sono impignorabili, in primis, gli oggetti sacri (e qui, sebbene per alcuni ormai oggi il cellulare sia “sacro” in senso metaforico, non può farsi rientrare questo dispositivo mobile). Seconda categoria di beni impignorabili sono gli strumenti indispensabili per l’esercizio della professione, dell’arte o del mestiere del debitore. Qui, in alcuni casi rientra il telefono: pensiamo ai liberi professionisti. Chi invece ha un laboratorio può contestare la strumentalità del telefono per il lavoro oppure il fatto che sussista una rete fissa esclude questa possibilità?

Sulla carta, comunque, si può concludere che il cellulare può essere pignorato. Nella pratica però le cose sono più complesse: scopo del pignoramento non è quello di infliggere una punizione al debitore ma quello di tutelare gli interessi economici del creditore.

Se, dunque, lo smartphone è vecchio, scheggiato etc perde senso il pignoramento dello stesso. Anzi, un eventuale pignoramento, volto più al debitore che al creditore, potrebbe configurare un abuso di diritto. In questo caso addirittura sarebbe il creditore a dover risarcire il debitore per il danno subito.

Non stupisce quindi che, ad oggi, non ci sono casi di sentenze che hanno richiesto il pignoramento del telefonino al debitore.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: ,

I commenti sono chiusi.