Pensione: posso dimettermi e andare in pensione di vecchiaia al raggiungimento dell’età anagrafica?

Si può smettere di lavorare prima di arrivare all'età per percepire la pensione?

di Patrizia Del Pidio, pubblicato il
Si può smettere di lavorare prima di arrivare all'età per percepire la pensione?
Buongiorno,
ho trovato in internet questo indirizzo…su un articolo con argomento ‘pensioni’.
Chissà se potesse rispondere anche ad un mio quesito:
Vorrei sapere se per motivi di assistenza ad un familiare convivente disabile, dopo 35 anni di lavoro come infermiera dipendente di ASL, io potessi dimettermi dal servizio ospedaliero (licenziarmi) e poi all’età del pensionamento –che sarà quello che stabiliranno col nuovo governo entrante- potessi lo stesso prendere la pensione di mia spettanza. Immagino proporzionata agli anni di contribuzione versata. 
Grazie,
cordiali saluti
Non c’è nessuna legge che obbliga alcuno di noi a lavorare fino all’età per accedere alla pensione di vecchiaia. Per poter percepire la pensione di vecchiaia, infatti, sono necessari i requisiti anagrafici, che fino al 2018 sono di 66 anni e 7 mesi (dal 2019 aumenteranno a 67 anni) unitamente ad almeno 20 anni di contributi.
Se anche lei decidesse di smettere di lavorare, quindi, avendo abbondantemente raggiunto il requisito contributivo, non appena compirà quello che è il requisito anagrafico richiesto dalla legge potrà fare richiesta per accedere alla pensione di vecchiaia. Per il calcolo dell’assegno pensionistico, ovviamente, esso sarà proporzionato agli anni di contribuzione versata.

Se hai domande o dubbi, contattami: [email protected]

“Visto il sempre crescente numero di persone che ci scrivono vi chiediamo di avere pazienza per la risposta, risponderemo a tutti”

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Lettere, Quesiti contributi, News pensioni, Contributi Inps