Pensione anticipata per assistere il familiare con legge 104, domicilio sanitario o residenza?

Pensione anticipata con 41 anni di contributi per assistere il familiare con handicap grave (legge 104 art. 3 comma 3), si può accedere anche con il domicilio sanitario?

di , pubblicato il
assistenza familiare legge 104 e part-time

Pensione anticipata con 41 anni di contributi per assistere il familiare con handicap grave (legge 104 art. 3 comma 3), esaminiamo un quesito di un nostro lettore: Volevo sapere se per andare in pensione con 41 anni e 10 mesi con i precoci e fruire la disabilità di un parente di primo grado, il papà, basta il domicilio sanitario: ho la residenza 6 mesi prima, avendo il domicilio sanitario da 4 anni.

E da 8 mesi il verbale dell’accompagnamento.

Sono considerati lavoratori precoci, coloro che hanno maturato almeno un anno di contributi prima del diciannovesimo anno di età. Per un anno di contribuzione si intendono 12 mesi, 52 settimane. Inoltre, devono aver maturato 41 anni di contributi e devono trovarsi in una delle categorie di tutela. Tra le categorie di tutela, vi è anche la figura del Caregiver, colui che si occupa del familiare con handicap grave. Analizziamo quali requisiti bisogna avere per poter far domanda come Caregiver.

Pensione anticipata per assistere il familiare con legge 104

La normativa chiarisce che bisogna assistere il familiare con disabilità grave con articolo 3 comma 3 della legge 104/1992, da almeno 6 mesi. Possono chiedere il pensionamento anticipato i lavoratori che hanno maturato i requisiti richiesti e si trovano nel grado di parentela: coniuge o familiare di primo grado con l’assistito, il familiare deve essere convivente. Possono chiedere il pensionamento anticipato anche i familiari di secondo grado qualora i parenti di primo grado siano mancanti o abbiano maturato un’età anagrafica di 70 anni oppure siano affetti da patologie invalidanti certificate.

Requisito di convivenza deve risultare da almeno sei mesi dalla presentazione della domanda per la pensione anticipata.

Domicilio sanitario e residenza: le differenze

Il domicilio sanitario è diverso dalla residenza con il familiare disabile. Il domicilio sanitario viene richiesto per assistenza medica presso un’altra Asl diversa da quella di appartenenza. Per residenza si intende la convivenza quotidiana con il familiare disabile, lo stesso nucleo familiare.

Conclusione

Lei può chiedere la pensione anticipata Quota 41, solo dopo aver stabilito la residenza con suo padre. La residenza dovrà risultare almeno da sei mesi dalla presentazione della domanda.

Se hai domande o dubbi, contattami: [email protected]
“Visto il sempre crescente numero di persone che ci scrivono vi chiediamo di avere pazienza per la risposta, risponderemo a tutti.
Non si forniscono risposte in privato.”

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: , , , ,