Pagamenti in contanti e limite di 1000 euro. Tutte le regole da seguire

Pagamenti in contanti sopra i 1000 euro con regole che trovano applicazione anche ai pagamenti con assegni e libretti al portatore

di Redazione InvestireOggi, pubblicato il
Pagamenti in contanti sopra i 1000 euro con regole che trovano applicazione anche ai pagamenti con assegni e libretti al portatore

Pagamenti in contanticon limite di 1000 euro. Se proprio in questi giorni si parla dell’obbligo posto in capo ai commercianti di accettare pagamenti over 5o euro con il bancomat, sempre se richiesto dal cliente, ( a tal proposito si veda nostro articolo Pagamento bancomat obbligatorio sopra i 50 euro?) e la proposta del presidente della Corte dei Conti, Giampaolino, di ridurre ancora il limite di 100 euro, in nome della tracciabilità dei pagamenti, ( si veda nostro articolo Pagamenti in contanti: ridurre il limite di 1000 euro), è bene a questo punto fornire alcune precisazioni in merito al limite di 1000 euro introdotto per i pagamenti in contanti.

 Pagamenti in contanti: limite 1000 euro

 Ha radicalmente modificato le abitudini degli italiani l’obbligo, introdotto dalla manovra salva Italia, il dl 201/11 convertito in legge n. 214/2011, di effettuare pagamenti con moneta elettronica sopra i 1000 euro, con l’intento di combattere l’evasione fiscale e il riciclaggio del denaro sporco. In particolare per tutti i pagamenti, la soglia limite di contante che si può utilizzare è 9.999,99 euro. Altre delucidazioni però sono d’obbligo.

 Pagamenti con assegno: le regole da seguire

In primo luogo si chiarisce che, se vengono utilizzati assegni per pagare una somma uguale o superiore ai 1.000 euro, sull’assegno stesso va apposta la dicitura “non trasferibile”, indicando il nome o la  ragione sociale del beneficiario. Per quanto riguarda i libretti degli assegni forniti dalle banche, su questi troviamo di già la clausola “non trasferibile” prestampata. Regole queste da seguire per assegni bancari, assegni circolari, vaglia postali e vaglia cambiari.

Pagamenti con libretti al portatore

Per ciò che concerne i libretti al portatore, non si possono usare gli stessi per pagare somme uguali o superiori a 1.000 euro, e conseguentemente non possono più esistere libretti al portatore con saldo superiore a tale importo.

 Pagamenti in contanti sopra i 1000 euro? Ecco le sanzioni

Nel caso in cui vengano commesse delle violazioni, che vengono segnalate dalle banche o poste al Ministero dell’Economia e all’Agenzia delle entrate, partono addebiti e sanzioni, nonché  controlli fiscali. La sanzione base quando si supera il limite di 1000 euro per i pagamenti cin contanti, va da un minimo dell’1% ad un massimo del 40% dell’importo trasferito, con un minimo di 3.000 euro. Stesse sanzioni anche in caso di pagamenti effettuati con gli assegni. Per i pagamenti superiori a 1000 euro effettuati con i libretti postali al portatore, la sanzione varia invece dal 10% al 20% del saldo del libretto oppure dal 20% al 40% del saldo del libretto (in caso questo superi i 1.000 euro), con minimo sempre a 3.000 euro.
 

Sullo stesso argomento potrebbe interessarti:

Pagamenti in contanti: sanzioni pesanti per chi supera limite

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Pagamento in contanti