Obbligo POS, basta quello virtuale?

Pos virtuale: basta ad ottemperare all’obbligo? Ecco come funziona

di , pubblicato il
Pos virtuale: basta ad ottemperare all’obbligo? Ecco come funziona

Nonostante il superamento delle sanzioni, resta l’obbligo di POS per i pagamenti sopra i 30 euro a carico di commercianti e di liberi professionisti. Tra i soggetti obbligati alcuni hanno già optato per il POS virtuale per ovviare al problema. Come funziona e quali vantaggi offre? Ma soprattutto: è rilevante dal punto di vista giuridico?  

POS virtuale, come funziona

L’idea si deve alla startup dell’incubatore Digital Magics e oggi si trova in vendita. Per usarlo basta un device connesso a Internet sul portale www.solo.sh. Il meccanismo è abbastanza semplice dal punto di vista tecnico: sul sito si trovano tutte le informazioni. Quello che in questa sede rileva è se il POS virtuale possa essere considerato sufficiente per ottemperare all’obbligo di pagamenti elettronici.

Pagamenti tracciabili: il POS virtuale vale a tutti gli effetti?

Visto che si tratta di un pagamento tracciabile e telematico la risposta non può che essere affermativa. Il POS virtuale, da questo punto di vista, risponde alle perplessità di commercianti e professionisti che non avevano accolto con favore la novità soprattutto per via dei costi aggiunti da sostenere per il dispositivo per i pagamenti. Quali negozio o studio professionale invece non ha una connessione ad internet? Ora quello che serve è un po’ di tempo per abituarsi alla novità ma quello che possiamo confermare è che i

Argomenti: