Come non pagare una cartella esattoriale ereditata da un parente defunto

Un piccolo escamotage per evitare le cartelle di pagamento che si ereditano alla morte di un congiunto.

di , pubblicato il
Un piccolo escamotage per evitare le cartelle di pagamento che si ereditano alla morte di un congiunto.

Per evitare i debiti del defunto, come abbiamo spiegato in un articolo precedente, bisogna procedere alla rinuncia dell’eredità. Per coloro che, invece, non rinunciano all’eredità è bene sapere che quando si pagano i debiti del defunto non sono dovute sanzioni e interessi.

Come evitare, però, di pagare una cartella di pagamento del defunto senza, al tempo stesso rinunciare all’eredità?

L’erede può procedere in questo modo: per non pagare la cartella di pagamento di debiti ereditati, si rinuncia all’eredità procedendo, poi, all’annullamento della cartella di pagamento. Una volta cancellata la cartella di pagamento, però, è possibile revocare la rinuncia all’eredità entrando in possesso dei beni che il defunto ha lasciato.

Sembra un escamotage per evitare il pagamento ma lo spunto è stato offerto da una sentenza della Commisione tributaria Regionale di Milano la numero 2129/12/17.

Partiamo dalle certezze: per non pagare i debiti lasciati dal defunto bisogna rinunciare all’eredità,  un atto che, però, può essere revocato entro 10 anni.

Se l’erede accetta l’eredità del defunto insieme ai lasciti deve accettare anche i debiti che possono essere rappresentati da cartelle di pagamento.

Le soluzioni possibili per l’erede sono o pagare il debito (senza sanzioni) o non pagarlo rinunciando all’eredità.

La precisazione della Commissione Tributaria che offre l’escamotage descritto è che l’erede che rinuncia all’eredità può evitare di pagare la cartella dei debiti anche se non sono ancora trascorsi i 10 anni per revocare la rinuncia. A questo punto, quindi, l’erede può rinunciare all’eredità, con tale rinuncia chiedere l’annullamento della cartella e poi, prima che siano trascorsi 10 anni, chiedere la revoca della rinuncia riaprendo la successione e tornando ad essere erede.

Il principio che riassume quanto detto è il seguente: “nell’ambito di un’iscrizione a ruolo di natura tributaria effettuata nei confronti di un erede, quando costui abbia effettuato una regolare rinuncia all’eredità, è irrilevante il fatto che il potenziale erede potrebbe revocare la propria rinuncia entro lo stesso termine decennale: la cartella di pagamento è comunque nulla, a prescindere dal decorso di tale termine”.

Questo, però, non evita che il Fisco possa, una volta accortosi della revoca della rinuncia all’eredità, notificare una seconda cartella di pagamento.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: ,

I commenti sono chiusi.