Lotteria scontrini: il documento commerciale si può buttare

Il 1° luglio 2020 partirà la lotteria degli scontrini cui potranno partecipare gli acquirenti maggiorenni per acquisti di almeno 1 euro.

di , pubblicato il
Il 1° luglio 2020 partirà la lotteria degli scontrini cui potranno partecipare gli acquirenti maggiorenni per acquisti di almeno 1 euro.

Mentre l’Italia fa i conti con l’emergenza Covid-19 nella speranza di uscirne quanto prima, il 1° luglio prossimo, salvo proroghe, partirà la lotteria degli scontrini, ossia il nuovo concorso a premi gratuito, collegato allo scontrino elettronico (estrazioni annuali, mensili e dal 2021 anche settimanali). Certo al momento fa strano, con i bar chiusi, pensare agli scontrini. Ma speriamo, come tutti, che la situazione si normalizzi quanto prima.

E’ stata prevista dai commi da 540 a 544 della Legge n. 232/2016  e su di essa il legislatore è nuovamente intervenuta con il Decreto legge n. 124/2019 – articolo 19, comma 1, lett. a – e articolo 20, comma 1, lett. a, b e c (esenzione fiscale dei premi della lotteria nazionale degli scontrini e istituzione di premi speciali per il cashless). Le modalità operative sono state definite con il Provvedimento dell’Agenzia delle dogane e dei monopoli, d’intesa con l’Agenzia delle Entrate, del 5 marzo 2020 e la stessa Agenzia delle Entrate ha reso disponibile sul proprio sito istituzionale una guida sintetica e di semplice consultazione per tutti i contribuenti

Chi può partecipare alla lotteria degli scontrini

Potranno parteciparvi tutti i cittadini maggiorenni e residenti in Italia che acquistano, al di fuori dell’esercizio dell’impresa, beni e servizi, di importo pari o superiore a 1 euro. Ad ogni acquisto di 1 euro corrisponderà 1 biglietto virtuale, fino a un massimo di 1.000 biglietti per un acquisto pari o superiore a 1.000 euro. A tal fine occorre dotarsi di un codice lotteria (codice “pseudonimo” alfanumerico, composto da 8 caratteri, che viene associato al codice fiscale del consumatore) accedendo all’area pubblica del Portale Lotteria, www.lotteriadegliscontrini.gov.it, messo a disposizione dall’Agenzia delle dogane e dei monopoli.

Le estrazioni possono essere ordinarie (vi partecipa chi effettua pagamenti in contanti) oppure estrazioni “zero contanti”. Quelle ordinarie prevedono un premio da 1 milione di euro per il vincitore dell’estrazione annuale; 3 premi da 30.000 euro ciascuno per i vincitori delle estrazioni mensili; 7 premi da 5.000 euro ciascuno per i vincitori delle estrazioni settimanali, a partire dal 2021. Più elevati sono i premi della lotteria zero contanti dove viene premiato anche l’esercente venditore. Chi paga con strumenti elettronici (per esempio, bancomat, carta di credito, carta di debito) partecipa a entrambe le estrazioni.

Ma una domanda ricorrente in merito è se per poter partecipare alle estrazioni occorre conservare o meno lo scontrino elettronico (ossia il c.d. documento commerciale). Come si apprende data menzionata guida dell’Amministrazione finanziaria, non bisogna conservare gli scontrini sia per partecipare alla lotteria sia per riscuotere i premi (conviene custodire gli scontrini solo a fini di garanzia, cambio merce, eccetera). Precisazione questa dovuta al fine di evitare accumuli di scontrini nella case dei contribuenti e visto che ai fini della riscossione della vincita non occorrerà mostrare alcun medesimo scontrino.

Argomenti: ,