Lavoratore divenuto invalido: cosa cambia, vantaggi e svantaggi

Invalidità in costanza di rapporto di lavoro: è necessario un cambio contrattuale per vedere riconosciuti i propri diritti?

di , pubblicato il
invalidità Inail

Affrontiamo il caso di una lettrice che per sopraggiunta invalidità in costanza di rapporto di lavoro ci chiede quali siano i vantaggi e gli svantaggi nel chiedere una sorta di cambio contrattuale.

Buongiorno  gentile signora,
La prego mi delucidi sulla mia delicata questione, poiché in testa mi hanno messo tanta confusione e ansia 
Riassumo
Anni 57, da trenta dipendente comunale attualmente part-time, da 10 invalida 75%  per neuropatia iatrogena (da malattia  oncologica)
Con limitazioni  del medico del lavoro 
Ora,  acquisita anche fibromialgia:
Cure pesanti e svariate e spesso assenze  , condizione di svantaggio sociale a tutti gli effetti
Per tutelarmi come invalida  dal “bullismo” che subisco sul lavoro “ 
Posso chiedere la “volturazione” del mio  attuale posto di lavoro in impiegata divenuta invalida ? E ‘ un diritto? 
Quali i vantaggi? Svantaggi?
Rischio spostamento del posto? licenziamento o riduzione stipendio?
Ho un minore a carico 
Grazie di cuore 

Qualora in costanza di rapporto di lavoro sopraggiunga per il lavoratore una situazione di invalidità quest’ultimo dovrebbe essere adibito a mansioni equivalenti (o in mancanza di quest’ultme anche mansioni inferiori) rispetto a quella ricoperta mantenedo il trattamento economico corrispondente alla mansione di provenienza.

Nel caso non sia possibile adibire il lavoratore alla mansione ad egli più congrua, il dipendente potrà essere inviato presso altra impresa dove svolgere attività compatibili con la sua situazione di salute per mano dell’ufficio del collocamento mirato della Provincia.

Non serve una “volturazione” del contratto ma una semplice attestazione del datore di lavoro sull’osservanza degli obblighi di legge e il conteggio del lavoratore in questione nelle quote di invalidi.

Argomenti: , ,