Inps: stato della pratica Non Definita, in istruttoria, quanto tempo ancora?

Cosa fare se una pratica presentata all'INPS per troppo tempo risulta "non definita" o "in istruttoria"? Vediamo come procedere.

di , pubblicato il
Cosa fare se una pratica presentata all'INPS per troppo tempo risulta

Sono molti i lettori che ci scrivono per conoscere i tempi di attesa delle pratiche INPS e per capire il gergo che utilizza l’Istituto per definire a che punto è una domanda. Nel nostro piccolo cerchiamo di aiutare i lettori a capire a che punto è la loro domanda, come nel caso del lettore che ci chiede:

Sig.ra Del Pidio buongiorno,

il 18.01.

19 tramite un patronato ho richiesto il riconoscimento di maggiorazioni contributiva per invalidità civile (ho un riconoscimento del 75% dal 23.12.2005).

La richiesta è presente nel mio fascicolo previdenziale in “POSIZIONE ASSICURATIVA => SEGNALAZIONI CONTRIBUTIVE => ESITI” con lo stato “NON DEFINITA”.

Ai primi di marzo ho provato a scrivere al servizio Inps risponde e hanno risposto che la pratica è in istruttoria.

Ad oggi non ho ancora risposte.

Volevo conoscere, anche in termini approssimativi, quali potranno essere i tempi di risposta.

Ringraziando per il servizio che offre e complimentandomi per la chiarezza dei suoi articoli, saluto cordialmente.

Inps stato della pratica non definita in istruttoria

Quando una domanda è “non definita” significa che non è stata ancora presa in carico dall’INPS per essere lavorata dai tecnici dell’Istituto. Una frase elegante per dire che al momento non è ancora stata esaminata. E se dal call center le hanno detto che è in istruttoria, il significato è lo stesso: la pratica deve essere ancora definita, ovvero esaminata per essere poi vagliata e, quindi, trasformata in “definita”.

Essendo trascorsi quasi 3 mesi dalla presentazione della sua domanda di riconoscimento di maggiorazione contributiva le consiglio di inviare un sollecito all’INPS per chiedere che la sua pratica sia esaminata quanto prima facendo presente che è stata presentata il 18 gennaio 2019. Se necessario si rechi di persona all’INPS territoriale di appartenenza poiché tramite call center si ottiene davvero poco. Per quel che riguarda il sollecito può inviarlo o tramite il sito dell’INPS o direttamente presso lo sportello.

Le consiglio, in ogni caso, di monitorare spesso la cassetta postale sul sito dell’INPS, che può trovare nel menù in basso a sinistra del cassetto previdenziale del cittadino, in quanto l’istituto potrebbe richiederle dei documenti mancanti o aggiuntivi o potrebbe porle delle domande pertinenti allo stato di avanzamento della sua pratica.

Leggi anche: Domanda di pensione e gergo INPS nelle stato della domanda

Se hai domande o dubbi, contattami: [email protected]
“Visto il sempre crescente numero di persone che ci scrivono vi chiediamo di avere pazienza per la risposta, risponderemo a tutti.
Non si forniscono risposte in privato.”

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: , , , ,