Inps, da marzo addio al vecchio cassetto previdenziale, c’è il nuovo

Da marzo 2022, il “Nuovo cassetto previdenziale del contribuente” sostituirà in via definitiva quello vecchio

di , pubblicato il
Come andare in pensione anticipata senza aspettare l'INPS tra quote, opzioni e penalizzazioni

L’INPS fa sapere che, dal 1° marzo 2022, sarà definitivamente dismesso il “Cassetto previdenziale”. Il suo posto sarà preso dal nuovo.

Quest’ultimo, a differenza del primo garantisce la presenza di tutte le attuali applicazioni esistenti nei cassetti riferiti alle varie gestioni previdenziali e permette di lavorare con tutte le tipologie di posizioni contributive. L’applicazione è raggiungibile dalla sezione “Servizi per le Aziende e Consulenti” del sito istituzionale dell’INPS stesso.

Addio al vecchio cassetto previdenziale

Il “Nuovo Cassetto Previdenziale del Contribuente”, on line da dicembre del 2020, si configura come una scrivania (ossia un contenitore informativo) con nuovi strumenti e con una gestione indipendente dalle applicazioni che possono essere selezionate anche contemporaneamente e vengono evidenziate tramite singole finestre.

Il menù è dinamico è creato dinamicamente in base alla profilazione dell’utente connesso e alla tipologia della posizione contributiva.

Per consentire un graduale passaggio al “Nuovo Cassetto Previdenziale del Contribuente”, è rimasto operativo anche il vecchio, il quale, tuttavia, non è stato oggetto delle nuove implementazioni.

Nel messaggio n. 771 del 16 febbraio 2022, l’istituto previdenziale fa sapere che dal 1° marzo 2022, dunque, quest’ultimo scomparirà definitivamente. All’interno del nuovo cassetto si trova anche un manuale utente consultabile tramite il collegamento all’HELP disponibile sul menu principale.

Potrebbe anche interessarti:

Argomenti: ,