Età pensionabile donne in aumento, ecco le ultime indiscrezioni

In tema di previdenza, le ultime indiscrezioni parlano di un'accelerazione all'equiparazione dell'età pensionabile tra donne e uomini, scatenando così accese polemiche

di , pubblicato il

Equiparazione dell’età pensionabile tra donne e uomini, con un innalzamento per queste ultime per l’accesso alla pensione. E’ questa l’ultima novità in tema di previdenza sociale e già la sola ipotesi scatena accese polemiche e dibattiti.

Riforma pensioni: ultime notizie

Negli ultimi  giorni sono intervenuti sulla questione scottante della previdenza nel nostro paese, sia il ministro del Lavoro, Enrico Giovannini, che il Presidente del Consiglio dei Ministri, Enrico Letta.

Se qualche tempo fa il ministro Giovannini ha annunciato l’ipotesi di anticipare l’accesso alla pensione ma con penalizzazioni, ossia con un taglio all’assegno mensile per chi decida di andare prima in pensione rispetto ai requisiti fissati dalla legge Fornero (si rinvia al nostro articolo Età pensionabile e assegno Inps, ecco cosa potrebbe cambiare), dall’altra parte secondo quanto recentemente affermato dal Premier Enrico Letta, l’impegno del Governo sembrerebbe indirizzato ad attuare modifiche alla riforma pensioni, così come recentemente stravolta dalla legge Fornero, il D.L. n. 201/11, anche conosciuto come decreto salva Italia, solo per chi lavora in condizioni particolari, ossia per lavoratori precoci e usuranti. Ma novità significative e non certo buone sembrerebbero prospettarsi soprattutto per le donne.

Età pensionabile donne: verso l’innalzamento?

Non è dato ancora conoscere l’esatta portata degli interventi che il Governo intende porre in atto. Ad oggi si parla solo di indiscrezioni e di ipotesi, più o meno accreditate. L’ultima in ordine di tempo riguarda l’età pensionabile per le donne. Si vocifera infatti di una possibile equiparazione dell’età pensionabile degli uomini a quella delle donne, con un innalzamento graduale per queste ultime. In realtà non è una vera  e propria novità del Governo Letta, visto che di equiparazione dell’età pensionabile tra donne e uomini già si parla nella riforma pensioni Fornero dove si fissa al 2021 l’obiettivo dell’equiparazione dell’età pensionabile per donne e uomini a 67 anni e 2 mesi, senza differenze di sesso o di ambito lavorativo. Ciò su cui potrebbe intervenire il Governo guidato da Enrico Letta è un’accelerazione.

Equiparazione età pensionabile donne: i rischi

Il tutto si traduce in termini negativi proprio per le donne lavoratrici che potrebbero essere costrette e lavorare di più, e con il rischio di ricevere un assegno mensile più basso rispetto a quello degli uomini. Gli  ultimi dati sulle pensioni resi noti dall’Inps, rilevano infatti che i valori delle pensioni di anzianità femminili sono inferiori a quelli maschili, sia nel lavoro dipendente (1.618 euro medi mensili rispetto a 2.130 euro per gli uomini) sia in quello autonomo (997 euro contro 1.360). Equiparando l’età pensionabile si equiparerà anche l’importo dell’assegno mensile?

[fumettoforumright]

Le reazioni

Accese le reazioni delle associazioni di categorie e di alcuni partiti, come il segretario del Pd, Guglielmo Epifani, secondo cui “Non mi va giù l’innalzamento dell’età pensionabile uguale per uomini e donne che si è realizzato con la riforma. Se rimetteremo mano alla flessibilità dell’età pensionabile servirà maggiore attenzione alla complessità della condizione della donna”. 

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: , ,

I commenti sono chiusi.