Esonero contributivo. La scadenza del 4 aprile è l’ultima chiamata per pagare meno contributi

Per richiedere il riesame della propria istanza di riduzione contributiva, è possibile presentare apposita istanza

di , pubblicato il
Come andare in pensione anticipata senza aspettare l'INPS tra quote, opzioni e penalizzazioni

Ancora pochi giorni per richiedere il riesame della domanda di esonero contributivo inviata all’Inps, infatti con il messaggio 1264/2022, l’Istituto di previdenza ha prorogato la data precedentemente fissata con il Messaggio n. 803 del 17 febbraio 2022.

Come prendere visione dell’esito dell’istanza di esonero?

Con precedenti interventi, l’Inps ha avuto modo di chiarire che, gli esiti dell’istanza di esonero contributivo e le relative motivazioni sono consultabili sul sito istituzionale www.inps.it ai seguenti percorsi:

  • gestione speciale artigiani e commercianti: “Cassetto previdenziale per Artigiani e Commercianti” > “Esonero contributivo art.1, co 20-22 bis L.178/2020”;
    Lavoratori iscritti alla Gestione speciale autonoma dei coltivatori diretti, coloni e mezzadri: “Cassetto previdenziale Autonomi in Agricoltura” > “Comunicazione bidirezionale” > “Esonero contributivo art.1, co 20-22 bis L.178/2020”;
  • per i professionisti iscritti alla Gestione separata: “Cassetto Previdenziale Liberi Professionisti” > “Domande Telematiche” > “Esonero contributivo L. 178/2020”.

Le richieste di riesame delle istanze di esonero contributivo

Per richiedere il riesame della propria istanza di riduzione contributiva, è possibile presentare apposita istanza. Con il messaggio n°803 del 17 febbraio, l’Inps ha reso noto le modalità di presentazione della stessa.

Nello specifico:

L’utente può inviare la documentazione necessaria per supportare la richiesta di riesame attraverso il link “Riesame”, accedendo alla stessa sezione del cassetto in cui è stata presentata la domanda di esonero e utilizzando l’apposita funzionalità che riporta i motivi di reiezione o accoglimento parziale.Nell’Allegato n. 1 dello stesso messaggio è riportata una sintetica descrizione della documentazione utile da produrre per le casistiche di riesame più comuni.

Le istanze di riesame possono essere presentate entro 30 giorni a decorrere dalla data di pubblicazione del messaggio avvenuta in data 17 febbraio.

Resta ferma la possibilità di proporre ricorso amministrativo oppure azione giudiziaria da notificare alla Struttura Inps territorialmente competente.

La proroga del termine per richiedere il riesame

Con il messaggio 1264/2022 del 18 marzo, l’Istituto di previdenza ha prorogato la data precedentemente fissata con il Messaggio n. 803 del 17 febbraio 2022.

Infatti, per richiedere il riesame della domanda di esonero contributivo inviata all’Inps ci sarà tempo fino al 4 aprile.

L’Inps ha ribadito che l’utente può inviare la documentazione necessaria per supportare la richiesta di riesame attraverso il link “Riesame” nella stessa sezione del Cassetto previdenziale in cui è stata presentata la domanda di esonero, utilizzando l’apposita funzionalità che riporta i motivi di reiezione o di accoglimento parziale.

Argomenti: ,