Elettrodomestici a metà prezzo: per quanto tempo dopo i lavori a casa?

Confermato dalla Manovra 2022 il bonus elettrodomestici, che prevede una detrazione fiscale del 50% sull’acquisto di mobili ed elettrodomestici.

di , pubblicato il
Confermato dalla Manovra 2022 il bonus elettrodomestici, che prevede una detrazione fiscale del 50% sull’acquisto di mobili ed elettrodomestici.

Confermato dalla Manovra 2022 il bonus elettrodomestici, che prevede una detrazione fiscale del 50% sull’acquisto di mobili ed elettrodomestici necessari per arredare un immobile che è stato oggetto di lavori di ristrutturazione.

È possibile usufruire del Bonus Elettrodomestici 50% anche senza la ristrutturazione edilizia dell’immobile? Quali sono i requisiti stabiliti dall’Agenzia delle Entrate?

Bonus Elettrodomestici senza ristrutturazione edilizia

Come chiarito dall’Agenzia delle Entrate è possibile usufruire delle agevolazioni fiscali anche se i lavori di ristrutturazione sono stati eseguiti nell’anno precedente alla domanda.

L’obiettivo è quello di estendere la platea dei beneficiari del bonus elettrodomestici al 50%, senza escludere coloro che hanno sostenuto le spese di ristrutturazione edilizia un anno prima dalla data di presentazione dell’istanza.

Pertanto, l’Agenzia delle Entrate è concorde nel ritenere che i destinatari del bonus elettrodomestici siano coloro che hanno effettuato degli interventi di ristrutturazione edilizia nel corso dell’anno 2021 e siano coloro che acquistano elettrodomestici nel 2022.

Bonus elettrodomestici senza lavori di ristrutturazione edilizia: a quanto ammonta la detrazione fiscale?

Il bonus elettrodomestici senza aver eseguito lavori di ristrutturazione edilizia nel corso del 2022 comporta il riconoscimento di un’aliquota pari al 50%.

L’importo massimo dell’agevolazione è di 10.000 euro ed è fruibile fino al 31 dicembre 2022.

Nel prossimo biennio il limite massimo di spesa si ridurrà a 5mila euro.

Bonus Elettrodomestici: i requisiti necessari

L’Agenzia delle Entrate nella guida dedicata al Bonus Elettrodomestici stabilisce che gli stessi siano di classe energetica non inferiore alla classe A per i forni, alla classe E per le lavatrici, le lavasciugatrici e le lavastoviglie, alla classe F per i frigoriferi e i congelatori, come rilevabile dall’etichetta energetica.

L’acquisto è agevolato per gli elettrodomestici privi di etichetta, a condizione che per essi non ne sia stato ancora previsto l’obbligo.

Rientrano nei grandi elettrodomestici: frigoriferi, congelatori, lavatrici, lavasciuga e asciugatrici, lavastoviglie, stufe elettriche, apparecchi per la cottura, forni a microonde, apparecchi elettrici di riscaldamento, piastre riscaldanti elettriche, ventilatori elettrici, radiatori elettrici, apparecchi per il condizionamento.

Bonus Elettrodomestici senza lavori di ristrutturazione: modalità di pagamento

Per beneficiare della detrazione fiscale di grandi elettrodomestici occorre effettuare i pagamenti con bonifico o carta di debito o credito.

Non è consentito pagare con assegni bancari, contanti o altri mezzi di pagamento. La detrazione fiscale è ammessa anche se i beni sono stati acquistati con un finanziamento a rate.

 

 

Argomenti: