Donazioni: quando non serve l’atto del notaio?

Quando per una donazione non è necessaria la presenza di un atto notarile?

di , pubblicato il
Quando per una donazione non è necessaria la presenza di un atto notarile?

In caso di donazioni, generalmente, è necessario l’atto del notaio in presenza di 2 testimoni. In questo caso, quindi, oltre a dover pagare l’importo al notaio è necessario anche pagare imposta di registro e quella sulle donazioni.

Non sempre però l’atto notarile è necessario, così come stabilito da una recente sentenza del Tribunale di Palermo.

Donazioni: quando il notaio non serve?

Per le donazioni di modico valore l’atto notarile non è necessario. In questo caso, infatti, la donazione può essere fatta dalle parti in causa senza l’intervento del professionista o con una scrittura privata o semplicemente con la consegna del bene.

Come fare, però a determinare se una donazione è di modico valore? Solitamente il valore di una donazione è determinata dalle condizioni economiche di chi dona e di chi riceve. In questo modo, infatti, può essere stabilito se il dono è di valore modico o se invece rappresenta una donazione di una certa consisitenza. A deciderlo, in ogni caso, dovrà essere il giudice. Una donazione di modico valore, in generale, è quella che non incide in modo apprezzabile sul patrimonio di chi dona, ma anche in questo caso per essere valida la donazione necessita dell’accettazione del beneficiario (che si può desumere, in ogni caso, dal fatto che il bene venga trattenuto).

Argomenti: ,