Domanda assegno unico senza ISEE allegato: quanto spetta

Per la domanda assegno unico senza ISEE allegato, vediamo quanto spetta. Dato che per la misura i pagamenti partiranno dal prossimo mese di marzo. Ecco come prendere i soldi subito senza aspettare che l'INPS paghi gli arretrati.

di , pubblicato il
come rinnovare l'isee

Per la domanda assegno unico senza ISEE allegato, vediamo quanto spetta. Dato che per la misura i pagamenti partiranno dal prossimo mese di marzo. Ma i termini per la presentazione dell’istanza all’INPS sono già aperti. Così come è riportato in questo articolo.

Detto questo, la domanda per l’assegno unico senza ISEE allegato si può comunque presentare. Ma con una penalizzazione che è non indifferente. In quanto in tal caso l’INPS riconoscerà alla famiglia con figli solo l’importo minimo che è previsto per la misura.

Domanda di assegno unico senza ISEE allegato: quanto spetta?

Inoltre, presentata la domanda per l’assegno unico senza ISEE allegato, il nucleo familiare avrà comunque la possibilità di inviare l’indicatore della situazione economica equivalente in un secondo momento. Ed in tal caso l’INPS riconoscerà poi alla famiglia un importo dell’assegno in linea con quello che è il reddito e la composizione del proprio nucleo familiare.

Per quel che riguarda le tempistiche, inoltre, per la domanda di assegno unico l’ISEE dovrà essere presentato entro e non oltre il 30 giugno del 2022. Al fine di poter poi ricevere gli importi spettanti proprio a decorrere dal mese di marzo prossimo che, come sopra detto, è il primo in corrispondenza del quale partiranno gli accrediti a favore dei legittimi beneficiari.

Quando inizieranno i pagamenti INPS nel 2022

Sui pagamenti, presentata la domanda dell’assegno unico, l’INPS ha inoltre precisato che i primi accrediti scatteranno tra il 15 ed il 21 marzo del 2022. Per chi avrà presentato l’istanza a gennaio. Ed a febbraio del 2022. Per tutti gli altri richiedenti con domanda accettata, invece, il pagamento è previsto alla fine del mese successivo.

Rispetto a quello della presentazione dell’istanza. Ed il tutto fermo restando che, presentando la domanda entro il 30 giugno del 2022, ai legittimi beneficiari saranno riconosciuti gli arretrati. A partire dal mese di marzo 2022.

Argomenti: , , ,