Detrazione 110% per la parcella del professionista; quali limiti di spesa

Sono detraibili gli oneri per le prestazioni professionali connesse alla realizzazione degli interventi, per la redazione dell'attestato di prestazione energetica APE, nonché per l'asseverazione, secondo i valori massimi di cui al decreto del Ministro della giustizia 17 giugno 2016.

di , pubblicato il
Sono detraibili gli oneri per le prestazioni professionali connesse alla realizzazione degli interventi, per la redazione dell'attestato di prestazione energetica APE, nonché per l'asseverazione,  secondo i valori massimi di cui al decreto del Ministro della giustizia 17 giugno 2016.

Rientrano tra le spese detraibili al 110%  quelle sostenute per le prestazioni dei professionisti incaricati per il rilascio delle attestazioni, delle asseverazioni e del visto di conformità. Tali spese concorrono al raggiungimento dei limiti di spesa agevolabili fissati dal Mi.SE. per ogni specifico intervento detraibile.

 

Inoltre, sono da rispettare i valori massimi di cui al decreto del Ministro della giustizia 17 giugno 2016.

 

Per le prestazioni professionali operano dunque due specifici paletti.

Le indicazioni del MI.SE.: decreto requisiti e decreto asseverazioni

Il Ministero delle sviluppo economico, MI.SE, ha adottato i decreti attuativi per gli interventi rientranti nell’eco bonus al 110% e nel sisma bonus.

Difatti tali decreti definiscono:

 

  • sia i requisiti tecnici per il Superbonus e il Sismabonus al 110%,
  • sia la modulistica e le modalità di trasmissione dell’asseverazione ( i tecnici asseverano i lavori) agli organi competenti, tra cui Enea.

 

In particolare, il decreto sui requisiti tecnici definisce gli interventi che rientrano nelle agevolazioni Ecobonus, Bonus facciate e Superbonus al 110%:

 

  • i costi massimali per singola tipologia di intervento,
  • le procedure nonchè
  • le modalità di esecuzione dei controlli a campione.

Il ruolo dei professionisti: dai tecnici ai commercialisti

Ai fini della spettanza delle detrazioni al 110% un ruolo specifico viene riconosciuto ai tecnici quali geometri, ingegneri nonché ai commercialisti.

 

In particolare, è necessario:

  • ai fini dell’opzione per la cessione o per lo sconto il visto di conformità dei dati relativi alla documentazione che attesta la sussistenza dei presupposti che danno diritto al Superbonus;
  • ai fini del Superbonus 110% nonché dell’opzione per lo sconto in fattura o per la cessione del credito corrispondente al predetto Superbonus, l’asseverazione del rispetto dei requisiti tecnici degli interventi effettuati nonché della congruità delle spese sostenute in relazione agli interventi agevolati.

 

Difatti, senza i suddetti documenti, non è possibile beneficiare del super bonus nè optare per la cessione o lo sconto in fattura.

Parcelle professionisti: I limiti di spesa

Come anticipato sopra, con il decreto Requisiti, il MI.SE. sono stati fissati i limiti di spesa per gli intervento agevolabile riconducibile:

  • all’ Eco bonus;
  • al Bonus facciate e
  • al Super bonus 110%.

 

Le parcelle dei professionisti concorrono al raggiungimento dei limiti di spesa individuati dal MI.SE.?

 

Ebbene, pur non essendoci alcuna indicazione da parte dell’Agenzia delle entrate, le parcelle dei professionisti scontano un doppio limite:

  1. quello previsto dal decreto requisiti per ogni specifico intervento detraibile,
  2. quello dei valori max  di cui al decreto del Ministro della giustizia 17 giugno 2016.

Decreto, recante approvazione delle tabelle dei corrispettivi commisurati al livello qualitativo delle prestazioni di progettazione adottato ai sensi dell’articolo 24, comma 8, del decreto legislativo n. 50 del 2016.

 

I limiti di cui al punto 2 afferiscono:

  • agli oneri per le prestazioni professionali connesse alla realizzazione degli interventi;
  • alla redazione dell’attestato di prestazione energetica APE;
  • nonché  all’asseverazione.

 

Limiti, quest’ultimi, che non riguardano i commercialisti che rilasciano il visto di conformità.

Argomenti: ,