Contributi Inps: versamenti sospesi fino ad agosto, ma non per colf e badanti

Versamenti di contributi sospesi per i lavoratori e datori di lavoro colpiti da coronavirus. Pagamento rinviato a settembre, anche a rate. Esclusi colf e badanti.

di , pubblicato il
Versamenti di contributi sospesi per i lavoratori e datori di lavoro colpiti da coronavirus. Pagamento rinviato a settembre, anche a rate. Esclusi colf e badanti.

Come previsto dal decreto legge Rilancio, i versamenti dei contributi da parte di imprese, lavoratori autonomi e professionisti colpiti da coronavirus possono essere sospesi.

Lo prevede il decreto Rilancio agli artt. 126 e 127 con i quali si concede la possibilità di posticipare ulteriormente i versamenti contributivi, già sospesi fino a maggio, al 16 settembre 2020. Tre mesi in più, quindi per pagare i contributi dovuti all’Inps per chi è in difficoltà.

I settori più colpiti dal coronavirus

Ma quali sono i settori maggiormente colpiti dal coronavirus? Essenzialmente si tratta delle attività turistico alberghiere, le agenzie di viaggio e turismo, i tour operator, oltre alle società e associazioni operanti nei settori dello sport, dell’arte e della cultura, del trasporto e della ristorazione, dell’educazione e dell’assistenza e della gestione di fiere ed eventi. Si tratta in sostanza di quei settori economici, piccoli e grandi, che più di altri hanno subito gli effetti negativi dell’emergenza sanitaria con la chiusura delle proprie attività. In generale la legge prevede la sospensione per tutti quei soggetti con ricavi o compensi non superiori a 50 milioni di euro nel periodo di imposta antecedente a quello in corso al 9 aprile 2020, che hanno subito una diminuzione del fatturato o dei corrispettivi di almeno il 33% nel mese di marzo e aprile 2020 rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Per le imprese con ricavi superiori a 50 milioni di euro, invece, il calo del fatturato deve essere almeno del 50%. Per questi soggetti, i mancati versamenti di marzo e aprile potranno essere fatti entro il 16 settembre 2020, anche in forma rateale (4 rate al massimo) con pagamento della prima rata a settembre. Non saranno applicate sanzioni, né interessi di mora.

Le società sportive

Anche per quanto riguarda le federazioni e associazioni sportive, lo stop ai versamenti contributivi si estende fino al 31 agosto. Un periodo più lungo già autorizzato in precedenza dal governo, essendo le attività sportive agonistiche e dilettantistiche ferme da più lungo tempo e comunque difficilmente recuperabili con la stagione estiva. I versamenti sospesi dovranno essere effettuati entro il 16 settembre 2020, anche in forma rateale (4 rate al massimo) con pagamento della prima rata a settembre. Anche in questo caso è previsto che l’Inps non applicherà sanzioni, né interessi di mora.

I lavoratori domestici

Non rientrano nelle disposizioni del decreto Rilancio i lavoratori domestici. Per questa categoria, l’Inps fa sapere che rimangono in vigore i termini di versamento già previsti dall’articolo 37 del decreto legge n. 18/2020 (Cura Italia) che ha sospeso i termini per il pagamento dei contributi previdenziali e assistenziali e dei premi per l’assicurazione obbligatoria in scadenza nel periodo dal 23 febbraio al 31 maggio 2020. Per colf e badanti, quindi, i contributi non versati dovranno essere pagati entro il 10 giugno 2020 in unica soluzione, senza sanzioni, né interessi di mora.

Argomenti: ,