Congedo straordinario retribuito legge 104: come richiederlo e conteggio dei giorni se frazionato

Facciamo chiarezza sul congedo straordinario retribuito: come si richiede, da cosa si differenzia dai permessi legge 104, a chi spetta, e come si conteggiano i giorni di congedo fruiti.

di , pubblicato il
assistenza familiare legge 104 e part-time
Buon pomeriggio gentile Patrizia Delpidio,
scrivo per avere informazioni sulla legge 104 di cui da anni ne faccio uso.
Sono figlio di un genitore portatore di handicap, e da anni faccio uso del permesso 104 frazionato a 3 giorni al mese.
Questi tre giorni, causa visite, terapie etc. stanno diventando sempre piu’ stretti e vorrei cambiare da permesso di 24 ore/mensili a 24 mesi, frazionabili in tempi piu’ lunghi.
Averei delle domande:
– il passaggio del periodo, avviene in automatico o devo comunicare qualcosa all’azienda o precisarlo all’INPS?
– i giorni come vengono conteggiati? Scalati dal monte giorni di 24 mesi, dopodiché  finiti questi non si puo’ piu’ prenderli, neanche cambiando lavoro / settore / azienda?
– in riferimento alla domanda precedente, come vengono conteggiati i due anni? 52 settimane per 5 giorni lavorativi?
– nel conteggio, tutti i giorni fatti precedentemente vengono conteggiati o sono esenti?
La ringrazio in anticipo, scusandomi della mole di domande e informazioni.

Congedo straordinario retribuito: facciamo un pò di chiarezza

Innanzitutto è bene precisare che non si tratta di un cambiamento di fruizione dei 3 giorni di permessi legge 104, che sono fruibili sono nel numero di 3 giorni al mese. Quello di cui parla è un altro istituto e si chiama congedo straordinario retribuito, regolato dalla legge 151, che permette al lavoratore di assentarsi dal lavoro per 2 anni percependo un’indennità pari all’ultima retribuzione prima del congedo stesso.

Il congedo può essere fruito in maniera continuativa per 2 anni o in maniera frazionata per un totale di 730 giorni. Se si fruisce del congedo in maniera frazionata, prendendo solo qualche giorno al mese, sono cumulabili con il congedo straordinario anche i 3 giorni di permesso mensile legge 104. Questo significa che fruendo del congedo straordinario in maniera frazionata a giorni potrà continuare a fruire anche dei permessi di cui attualmente gode (può ad esempio, fruire di una o due settimane di congedo al mese, e nelle restanti settimane lavorative fruire dei 3 giorni di permesso 104).

Per poter fruire del congedo straordinario retribuito deve presentare domanda all’INPS e nella domanda deve indicare i giorni di congedo di cui intende fruire (tra un periodo di congedo e l’altro è richiesta la ripresa dell’attività lavorativa).

I due anni di congedo straordinario possono essere fruiti una sola volta nella vita lavorativa, anche se cambia ditta, settore e lavoro, quindi,  finiti i suoi due anni, non avrà più diritto al beneficio.

I giorni di congedo vengono conteggiati per periodo (compresi anche gli eventuali festivi e riposi compresi): se prende 10 giorni di congedo consecutivi, nei 10 giorni non saranno conteggiati solo i giorni lavorativi ma anche i sabato e domenica compresi.

I giorni di permessi 104 già fruiti non sono conteggiati nel congedo, essendo, come le ho detto due istituti separati.

Congedo straordinario: requisiti

Per poter fruire del congedo deve essere in possesso di determinati requisiti, a differenza dei 3 giorni di permesso 104. Il congedo viene concesso secondo il seguente ordine di priorità:

  1. il coniuge convivente
  2. il padre o la madre anche non convivente
  3. uno dei figli conviventi della persona
  4. uno dei fratelli o sorelle conviventi della persona disabile
  5. un parente/affine entro il terzo grado convivente della persona disabile

Nel suo caso, quindi, se l’altro genitore è ancora in vita e non è legalmente separato e non è anch’esso invalido, la fruizione del congedo spetta al coniuge e non al figlio. Può quindi fruire del congedo solo se il genitore invalido di cui parla è vedovo, divorziato o sposato con persona gravemente disabile.

E’ richiesta, poi, per le fruizione del congedo la residenza con la persona disabile di cui ci si prenderà cura.

Per approfondimenti può leggere anche: Congedo straordinario retribuito: residenza o dimora temporanea d’obbligo

 

Se hai domande o dubbi, contattami: [email protected]
“Visto il sempre crescente numero di persone che ci scrivono vi chiediamo di avere pazienza per la risposta, risponderemo a tutti.
Non si forniscono risposte in privato.”

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: , , ,