Congedo straordinario e legge 104, il nipote per assistere la nonna può fruirne?

Quando il nipote può usufruire del congedo straordinario per la nonna con la legge 104? La Redazione risponde.

di , pubblicato il
assistenza familiare legge 104 e part-time

Congedo straordinario per assistere il familiare con handicap grave, il quesito di un nostro lettore:

Buongiorno, le volevo chiedere se mia nonna è sola a un’età di 83 anni, operata di tumore maligno, riconosciuta invalida e usufruisce della legge 104, io ho tre giorni al mese per accompagnarla nelle varie visite cliniche ospedaliere, ho la residenza con lei, posso usufruire dei due anni di congedo per assistere mia nonna.
 Saluti

Il congedo straordinario legge 151 spetta ai lavoratori dipendenti del settore privato o pubblico.

La  legge prevede un rigido ordine di priorità dei soggetti aventi diritto a fruirne, secondo il seguente ordine:

  • i genitori che hanno figli disabili che si trovano in una situazione di handicap grave (legge 104 art. 3 comma 3), rientrano anche i figli adottivi o affidatari;
  • il coniuge, il convivente di fatto e le unioni civili. Nella scala della parentela rientrano i parenti o affini di secondo grado che si trovano in situazione di handicap grave.
  • i parenti o affini al terzo grado solo se conviventi con il familiare con handicap grave se gli aventi diritto sono mancanti o affetti da patologie invalidanti certificate.

Tabella Inps Parentela e Affinità

I vari gradi di Parentela

Diritto di priorità

La legge prevede un rigido ordine di priorità dei soggetti aventi diritto a fruire del congedo straordinario a lavoro.

Ad esempio, può fare richiesta del congedo straordinario uno dei figli conviventi con il familiare in situazione di handicap grave, nel caso in cui il coniuge convivente sia affetto da patologie invalidanti certificate, oppure quando sia mancante.

L’Inps nel congedo stabilisce un ordine di priorità, che può essere superato sono se la parte avente diritto è mancante o è affetta da patologie invalidanti. (circ. n. 32/2012 e circ. n. 159/2013)”.

 La condizione di handicap

Per poter usufruire di questo congedo straordinario legge 151, il familiare d’assistere si deve trovare nella condizione di handicap grave, cioè deve possedere il verbale legge 104 con l’art 3 comma 3.  Non sono valide altre certificazioni.

 Congedo straordinario e requisito della convivenza

Per poter beneficiare del congedo legge 151, viene richiesta la convivenza con il disabile, tale requisito si intende soddisfatto quando il familiare e il disabile hanno la residenza nello stesso Comune e allo stesso indirizzo, quindi stesso numero civico anche se in interni diversi (Circolare del 18 febbraio 2010, Prot.

3884).

Congedo straordinario e legge 104, requisito di coabitazione e pagamento, tutti gli aggiornamenti

Conclusioni

Se si trova nelle situazioni sopra evidenziate, essendo lei convivente, può farne richiesta. Le consiglio di rivolgersi ad un Patronato per verificare con loro se sono presenti tutte le condizioni analizzate.

Se hai domande o dubbi, contattami: [email protected]

Argomenti: , , , ,