Come andare in pensione senza aver mai lavorato

Esiste la possibilità in Italia di ottenere la pensione dal Inps senza aver mai versato un euro di contributi. Ecco come funziona.

di , pubblicato il
pensione

Per ottenere la pensione, come noto, è necessario possedere determinati requisiti previsti dalla legge. Uno dei più importanti è quello di aver versato nel corso della vita lavorativa almeno 20 anni di contributi. Il che significa aver lavorato per altrettanti anni.

Il cambiamento dei tempi e la precarizzazione del lavoro, però, rendono oggi sempre più difficile rispettare tale requisito. Così il rischio che si arrivi alla veneranda età della pensione per poter fare domanda al Inps senza i contributi sufficienti aumenta.

In pensione senza contributi

La riforma delle pensioni che il governo Draghi si appresta a varare dovrà tenere conto anche di questo particolare e non secondario aspetto. Altrimenti c’è il rischio concreto che nei prossimi anni una buona fetta di popolazione in Italia scivoli verso l’indigenza e la povertà assoluta.

Il nostro ordinamento, al momento, prevede un ammortizzatore sociale che tutela giusto un minimo chi non ha i requisiti contributivi per la pensione. Si chiama assegno sociale ed è subentrato, con la riforma Dini del 1995, alla pensione sociale.

Di cosa si tratta? Non è una vera e propria pensione, ma un sussidio economico erogato dall’Inps a coloro che non hanno maturato il diritto alla pensione al compimento dell’età anagrafica di 67 anni. Vale 460,28 euro, è pagato per 13 mensilità e può essere percepito da cittadini italiani e stranieri in condizioni economiche disagiate.

L’assegno sociale è quindi una prestazione assimilabile a quella della pensione e può essere riconosciuto anche in assenza di contributi versati all’ente pensionistico. In altre parole, l’indennità è erogata dall’Inps anche a chi non ha mai lavorato.

Assegno sociale, requisiti

Ma come si ottiene l’assegno sociale? Bisogna innanzitutto fare domanda al Inps.

In secondo luogo occorre aver compiuto 67 anni di età e possedere requisiti socioeconomici ben definiti.

L’assegno sociale è rivolto ai cittadini italiani, ai cittadini comunitari residenti, ai cittadini extracomunitari familiari di cittadino comunitario, ai cittadini extracomunitari con permesso di soggiorno UE e ai cittadini stranieri o apolidi con status di rifugiato politico o di protezione sussidiaria.

Per quanto riguarda i limiti di reddito, il richiedente non deve superare i 5.983,64 euro annui e 11.967,28 euro se coniugato. I redditi indicati sono tutti quelli assoggettabili a Irpef.

Argomenti: ,