Come andare in pensione a 64 anni con 20 anni di contributi con il computo in Gestione Separata?

In quali casi sarà possibile andare in pensione a 64 anni con 20 anni di contributi? Scopriamolo in questa guida di Investire Oggi.

di , pubblicato il
In quali casi sarà possibile andare in pensione a 64 anni con 20 anni di contributi?  Scopriamolo in questa guida di Investire Oggi.

Anche per l’anno 2021 sarà possibile accedere alla pensione anticipata? In quali casi sarà possibile andare in pensione a 64 anni con 20 anni di contributi?  Scopriamolo in questa guida di Investire Oggi.

Andare in pensione a 64 anni: è possibile nel 2021?

Anche per l’anno 2021 sarà possibile accedere alla pensione anticipata contributiva con il compimento dei 64 anni e con soli 20 anni di contributi a patto di rispettare i requisiti contributivi.

Pertanto, è possibile andare in pensione a 64 anni con 20 anni di contributo con il computo in Gestione Separata INPS.

Molto spesso i lavoratori non sanno di essere iscritti alla Gestione Separata INPS, in cui confluiscono le seguenti forme di lavoro:

  • collaboratori coordinati o continuativi;
  • collaboratori a progetto;
  • amministratori, membri di collegi sindacali, revisori dei conti;
  • incaricati di vendita a domicilio (con redditi che non superano i 5mila euro l’anno);
  • assegni di attività di tutorato;
  • titolari di assegni di ricerca;
  • lavoratori autonomi occasionali (con redditi che non superano i 5.000 euro l’anno);
  • spedizionieri doganali;
  • medici con contratti per formazione specialistica.

Pertanto, un lavoratore iscritto alla Gestione Separata INPS, che abbia raggiunto i requisiti richiesti, può accedere alla pensione a 64 anni, facendo confluire i contributi nella Gestione Separata INPS.

Andare in pensione a 64 anni con 20 anni di contributi con il computo in Gestione Separata: ecco come fare

Per accedere a questa misura, bisogna che il lavoratore abbia maturato un requisito anagrafico di 64 anni di età ed un’anzianità contributiva di 20 anni.

Inoltre, l’ammontare dell’assegno previdenziale non può essere superiore a 2,8 volte l’assegno sociale.

Per accedere al calcolo nella Gestione Separata è necessario verificare alcuni requisiti:

  • il lavoratore deve essere iscritto alla Gestione Separata INPS;
  • bisogna aver maturato meno di 18 anni di contributi prima del 1° gennaio 1996;
  • è necessario aver maturato almeno 15 anni di contributi e almeno 5 versati dopo il 31 dicembre 1995.

Se in possesso dei requisiti sopra elencati è possibile andare in pensione a 64 anni con 20 anni di contributi con il computo in Gestione Separata.

Questa misura permette di confluire i contributi interamente nella Gestione Separata e l’ammontare dell’assegno previdenziale è calcolato con il sistema contributivo puro.

 

 

 

Argomenti: ,