Cedolare secca 2016 acconto e saldo: compilazione quadro B e F 730

Come vanno indicati gli immobili locati con cedolare secca nel modello 730?

di , pubblicato il
Come vanno indicati gli immobili locati con cedolare secca nel modello 730?

Il proprietario di un immobile locato con la cedolare secca, applicando un imposta sostitutiva all’Irpef, alle addizionali regionali e comunali, prevede la dichiarazione di acconto e saldo F24, con la relativa compilazione di 2 quadri del modello 730.   La scelta della cedolare secca va dichiarata nella sezione I del quadro B del modello 730 indicando:

  • dati dell’immobile
  • alla casella della colonna 11 va barrata la dicitura “cedolare secca”
  • vanno indicati gli estremi di registrazione del contratto di locazione (nel caso di contratti della durata non superiore a 30 giorni) nella sezione II del quadro B
  • se il contratto non necessita di registrazione va barrata la casella “Contratti non sup. 30 gg.”

  Sono tenuti alla compilazione del quadro B del modello 730 tutti i contribuenti che devono dichiarare redditi da fabbricati, ovvero

  •  Proprietari di fabbricati ubicati in Italia iscritti o iscrivibili nel catasto dei fabbricati poiché dotati di rendita catastale;
  •  Titolari di usufrutto o altro diritto reale, ad esempio l’uso abitazione, su fabbricati situati in Italia;
  •  Possessori di immobili non rurali;
  •  Soci di società semplici e di società ad esse equiparate, che producono reddito di fabbricati.

 

Quadro B 730: come si compila

Per ciascun immobile posseduto va compilato un rigo del quadro B, da B1 a B8 indicando:

  • i dati degli immobili concessi in locazione
  • i dati degli immobili non concessi in locazione (come ad esempio abitazione principale o immobili concessi in comodato d’uso gratuito)
  • estremi di registrazione dei contratti di locazione (per la cedolare secca barrare la casella colonna 11 “cedolare secca”.

 

Quadro F modello 730: come si compila?

Nel quadro F del modello 730 vanno indicati:

  •  Versamenti acconto e saldo F24 Cedolare secca sulle locazioni;
  •  Eccedenze eventuali, che risultano dalle precedenti dichiarazioni, crediti Irpef e addizionali comunali e regionali non rimborsati dal datore di lavoro e credito d’imposta sostitutiva sui redditi diversi di natura finanziaria;
  • Ritenute e acconti sospesi a causa di eventi eccezionali;
  •  Importi acconto cedolare secca sulle locazioni per il 2016;

  Il quadro F va compilato indicando:

  • nel rigo F1 l’importo dei versamenti di acconto relativi all’anno 2015
  • nel rigo F3 le eccedenze della cedolare secca che risultano dalle dichiarazioni precedenti
  • nel rigo F4 le eccedenze delle addizionali regionali e comunali che risultano dalle dichiarazioni precedenti
  • il rigo F6 va compilato dal dichiarante solo se ritiene di non dover versare o di versare in misura più bassa rispetto a quanto calcolato da chi presta assistenza fiscale gli acconti della cedolare secca, colonna 5 o colonna 6, per l’anno 2016.
Argomenti: , , ,