Calcolo pensione: quanto prenderanno i giovani lavoratori di oggi

Calcolo delle pensioni future: quanto prenderanno i giovani di oggi? Come la riforma del sistema previdenziale influenzerà gli assegni Inps

di , pubblicato il
Calcolo delle pensioni future: quanto prenderanno i giovani di oggi? Come la riforma del sistema previdenziale influenzerà gli assegni Inps

Si parla spesso di diritti dei pensionati ma quali sono i diritti dei lavoratori per la pensione futura: il calcolo sull’assegno Inps non lascia grande spazio agli ottimismi. Il dibattito sulla riforma delle pensioni riguarda inevitabilmente, in prospettiva futura, anche questi ultimi. Come cambierebbe il calcolo della pensione futura sulla base della pensione anticipata o del ritorno al contributivo? Senza contare i dati negativi sul PIL che si abbatteranno inevitabilmente anche sulle pensioni: il montante contributivo (corrispondente a circa un terzo dello stipendio per i lavoratori dipendenti), si rivaluta in base alla dinamica quinquennale del PIL (prodotto interno lordo). Ne consegue che, in tempi di crisi e ristrettezze economiche come quello attuale, la rivalutazione è particolarmente bassa. Lo scenario che più spaventa i giovani lavoratori di oggi è il ritorno al sistema contributivo: in base al calcolo delle pensioni per queste categorie in media chi guadagna oggi 1220 euro si dovrà accontentare di 500 euro di pensione. Ma il dibattito attuale sulla riforma del sistema previdenziale sembra concentrato solo sui pensionati o i lavoratori a ridosso dell’uscita dal lavoro senza concentrarsi sui giovani e sulle loro prospettive future. Come possono tutelarsi questi ultimi?

Calcolo pensione e fondi integrativi: la previdenza complementare

Tra i giovani lavoratori molti, scoraggiati, mettono le mani avanti pensando autonomamente al proprio futuro tramite fondi di previdenza complementare. Questo settore gode di un beneficio fiscale (si scaricano al 100% fino a oltre 5 mila euro annui) ma bisogna controllare i costi che, in alcuni casi, possono essere elevati. Il consiglio può essere banale ma non lo è: leggere bene le condizioni della pensione integrativa prima di firmare qualsiasi cosa. Banche e assicurazioni sono tenute per legge a fornire al potenziale cliente una nota informativa: se a spiegarla è il consulente questo potrebbe sorvolare su alcune condizioni importanti e penalizzanti.

Meglio quindi leggerla da soli.

Argomenti: ,