Bonus Fondo Impresa Femminile, sportello online ora aperto con 200 milioni di euro di incentivi

Per il bonus Fondo Impresa Femminile, lo sportello online dal portale di Invitalia è aperto proprio da oggi, giovedì 19 maggio del 2022. Ecco allora come fare domanda.

di , pubblicato il
Bonus Fondo Impresa Femminile, sportello online ora aperto con 200 milioni di euro di incentivi

Per il bonus Fondo Impresa Femminile, lo sportello online dal portale web di Invitalia è aperto proprio da oggi, giovedì 19 maggio del 2022. Nel ricordare che il sito Internet al quale collegarsi è invioprogettistart.invitalia.it. Per i nuovi incentivi per l’imprenditoria femminile, ecco allora come e quando fare domanda.

In particolare, per il bonus Fondo Impresa Femminile lo sportello online è attivo dalle ore 10 di oggi. E chiuderà alle ore 17 tutti i giorni dal lunedì e fino al venerdì. Le risorse stanziate ammontano complessivamente a ben 200 milioni di euro. E rappresentano un sostegno importante per tutte le lavoratrici interessate ad avviare un nuova impresa. Oppure una nuova attività professionale.

Bonus Fondo Impresa Femminile, lo sportello online ora è aperto. Con ben 200 milioni di euro di incentivi statali

Il bonus Fondo Impresa Femminile, inoltre, è accessibile pure da parte delle imprese in rosa che sono state costituite da meno di 12 mesi. L’invio della domanda per gli incentivi, inoltre, è subordinato all’acquisizione del codice di predisposizione della domanda. Con la piattaforma di compilazione che, al riguardo, è stata già attivata lo scorso 5 maggio del 2022.

Per il bonus Fondo Impresa Femminile, ed in particolare per le lavoratrici autonome e per le imprenditrici interessate, c’è da fare in fretta. In quanto le risorse saranno erogate fino ad esaurimento dei fondi stanziati.

Contributi a fondo perduto fino al 100% per le nuove attività imprenditoriali in rosa

Il bonus Fondo Impresa Femminile, erogato con la formula dei contributi a fondo perduto, e con i fondi stanziati che sono gestiti da Invitalia, copre fino all’80%. Ed in certi casi pure fino al 100% dei progetti di investimento in settori che spaziano dal commercio al turismo.

Passando per l’artigianato. Ma anche nel settore dei servizi e della trasformazione dei prodotti agricoli.

Argomenti: , , , , , , ,