Bonus auto 4 mila euro: come sfruttare il massimo degli incentivi spettanti con o senza rottamazione

Bonus auto da mille a quattro mila euro: da cosa dipende la differenza di importo e come ottenere il massimo sfruttando tutti gli incentivi, anche quelli regionali

di , pubblicato il
Bonus auto da mille a quattro mila euro: da cosa dipende la differenza di importo e come ottenere il massimo sfruttando tutti gli incentivi, anche quelli regionali

Gli incentivi auto contenuti nel decreto Rilancio e confermati dal Mise permettono a chi acquista un veicolo ecologico a basse emissioni di ottenere fino a 4 mila euro di bonus auto. La misura, oltre a combattere l’inquinamento, serve a sostenere il settore delle quattroruote, non esente dalla crisi dovuta al lockdown per coronavirus. Il confronto con i mesi di aprile e maggio dello scorso anno è lapidario: rispettivamente è stato registrato un calo del -97,55% e -50%.

Bonus auto 2020: a chi spetta l’importo massimo di 4 mila euro

Il bonus auto di 4 mila euro spetta a chi acquista nel 2020 un veicolo Euro 6 rottamando contestualmente una macchina che ha 10 anni di vita o più. Il contributo statale di 2 mila euro per acquisto di veicoli Euro 6 con emissioni di CO2 superiori a 61 gr/km, viene riconosciuto a condizione che la concessionaria metta a disposizione uno sconto di pari importo a quello erogato dallo Stato.

Senza rottamazione, secondo l’emendamento proposto da PD, Leu e Italia Viva, si può arrivare ad un bonus auto di 2 mila euro (sempre suddiviso in parti uguali a metà tra incentivo statale e erogazione del venditore). Molto probabile, vista la reazione positiva delle opposizioni, che l’emendamento suddetto sia approvato. Con la sospensione dell’ecomalus per il 2020, questo incentivo potrebbe arrivare a 2.500 euro.

La rottamazione resta invece condizione indispensabile per l’accesso al bonus di mille euro su acquisto di auto usata. In questo caso spettano fino a mille euro ma solamente per veicoli Euro 5 acquistati a fronte di rottamazione di auto euro 0, 1, 2, 3.

Bonus auto 2020: gli altri incentivi allo studio

Altre proposte parallele prevedono:

  • bonus extra di 2 mila euro con rottamazione (senza rottamazione del veicolo vecchio mille euro) per l’acquisto di macchine in stock (ovvero già prodotte prima del marzo 2020) e immatricolate entro fine anno;
  • riduzione delle imposte sui veicoli aziendali;
  • incentivi per l’acquisto di veicoli commerciali da mille fino a tre mila euro;
  • istituzione di un fondo straordinario di 450 milioni di euro disponibile per un periodo di tre anni per l’acquisto di veicoli industriali.

Incentivi auto regionali: in quali province raddoppiano i bonus

Quanto finora qui visto riguarda gli incentivi approvati o quelli allo studio che avranno valenza nazionale. Restano poi da considerare eventuali aiuti regionali che, in abbinamento a quelli statali, possono rendere ancora più conveniente la rottamazione auto e l’acquisto di veicoli ibridi.

In base alla regione di residenza e in cui sarebbe immatricolato il nuovo veicolo, potrebbe risultare interessante approfondire le disposizioni:

  • in Lombardia contenute nel “Bando Rinnova Autovetture”;
  • nella provincia di Trento;
  • nella provincia autonoma  di Bolzano;
  • in Friuli Venezia Giulia;
  • in Sardegna.
Argomenti: ,