Bonus asilo nido. Con la precompilata la richiesta è più semplice, istruzioni Inps

La domanda per il contributo può essere presentata dal genitore del minore nato o adottato che paga la retta dell’asilo nido

di , pubblicato il
Bonus nido

Domanda del bonus asilo nido semplificata per chi ha già presentato la richiesta per lo scorso anno. Infatti, l’Inps ha reso noto che è disponibile in procedura la domanda per l’anno 2022 precompilata sulla base delle informazioni contenute nella richiesta di bonus preesistente. La domanda per l’anno 2022 potrà essere pertanto inoltrata confermando o modificando i dati precaricati, avendo cura di verificare se l’IBAN indicato è ancora valido e, relativamente al contributo asilo nido, le mensilità per le quali si intende richiedere il bonus per l’anno 2022, inserendo eventualmente anche gli importi delle rate di asilo già versate, che comunque potranno essere aggiunti anche in una fase successiva.

Il bonus nido

Il bonus asilo nido è un’agevolazione per la frequenza di asili nido pubblici e privati, a ristoro delle rette pagate mese per mese dai genitori del bambino.

La prestazione è riconosciuta dall’Inps su base annua ossia parametrato in undici mensilità, per:

  • il pagamento di rette relative alla frequenza di asili nido pubblici e privati, nonché
  • l’introduzione di forme di supporto presso la propria abitazione in favore dei bambini al di sotto dei tre anni, affetti da gravi patologie croniche.

Le disposizioni attuative della norma sono state definite con il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, datato 17 febbraio 2017.

Il bonus è pari a:

  • 3.000 euro, nell’ipotesi di ISEE minorenni in corso di validità fino a 25.000 euro;
  • 2.500 euro, con ISEE minorenni da 25.001 euro fino a 40.000 euro;
  • 1.500 euro nell’ipotesi di ISEE minorenni oltre la predetta soglia di 40.000 euro, ovvero in assenza di ISEE o qualora presenti omissioni e/o difformità dei dati del patrimonio mobiliare e/o dei dati reddituali autodichiarati e nel caso di ISEE discordante.

La domanda per il contributo può essere presentata dal genitore del minore nato o adottato che paga la retta dell’asilo nido.

La presentazione della domanda per chi ne ha già beneficiato

Ai fini della presentazione della domanda 2022, la procedura di richiesta del bonus asilo nido può essere più agevole o meno a seconda se il genitore ha presentato già la domanda per lo scorso anno.

Infatti, in tale ultimo caso ossia er i genitori/affidatari che abbiano già presentato domanda di bonus nido nel 2021 e per i quali sia disponibile la documentazione di spesa valida riferibile ad almeno una delle mensilità comprese tra settembre e dicembre 2021, è disponibile in procedura la domanda per l’anno 2022 precompilata sulla base delle informazioni contenute nella richiesta di bonus preesistente. La domanda per l’anno 2022 potrà essere pertanto inoltrata confermando o modificando i dati precaricati. Avendo cura di verificare se l’IBAN indicato è ancora valido e, relativamente al contributo asilo nido, le mensilità per le quali si intende richiedere il bonus per l’anno 2022. Inserendo eventualmente anche gli importi delle rate di asilo già versate, che comunque potranno essere aggiunti anche in una fase successiva.

Tali indicazioni sono state fornite dall’Inps con il messaggio n° 925 del 25 febbraio 2022.

La presentazione della domanda

La domanda per il bonus asilo nido deve essere presentata, corredata dalla documentazione prevista, esclusivamente in via telematica attraverso uno dei seguenti canali:

  • portale web dell’Istituto, utilizzando gli appositi servizi raggiungibili direttamente dalla home page del sito www.inps.it, se si è in possesso di SPID di livello 2 o superiore o una Carta di identità elettronica 3.0 (CIE) o una Carta Nazionale dei Servizi (CNS);
  • tramite gli Istituti di Patronato, utilizzando i servizi offerti gratuitamente dagli stessi.

Non è prevista la presentazione a mezzo Contact Center Integrato.Tale ultima precisazione è stata fornita dall’Istituto di previdenza con il messaggio n° 957 del 28 febbraio; a parziale rettifica del messaggio 925, sopra citato.

Argomenti: ,